•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 1 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Inps: donne in pensione a 57 anni con 35 di contributi

Donne in pensione: si torna indietro, ma a condizione di una diminuzione di bonus. E’ noto come la legge Fornero abbia alzato le pensioni per uomini e donne. Drasticamente. Dall’Inps, tuttavia, arriva una vera e propria svolta per il ‘gentil sesso’: potranno andare in pensione a 57 anni con 35 anni di contributi. A patto, tuttavia, di una minorazione dell’assegno pensionistico: – 20%, addirittura.

Una circolare dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale lo afferma. E riapre lo spiraglio alla cosiddetta ‘opzione donna’ (valida fino al 31/12/2015), introdotta dal Governo Berlusconi II dieci anni fa: 57 anni di età (un anno in più per le autonome) con 35 anni di contributi. Il sistema pensionistico con cui si andrà in pensione, tuttavia, non è misto: totalmente contributivo. Si prevede, perciò, un decremento del 15/20% di pensione per uscire dal mondo del lavoro qualche anno prima. Le richieste, tra 2013 e 2014, hanno superato la soglia di 17.000. Vivo e forte è il ricordo degli esodati: non si vuole finire in quel modo.

La questione pensionistica è cosa delicata, ovvio. La parlamentare Pd Maria Luisa Gnecchi era riuscita a strappare la cancellazione delle “penalizzazioni previste dalla riforma Fornero per chi va in pensione anticipata prima dei 62 anni di età pur avendo raggiunto il requisito dei contributi (42 anni e mezzo gli uomini, 41 anni e mezzo le donne)” (da Corriere della Sera).

Daniele Errera

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: