Pubblicato il 15/12/2014

Sondaggi politici Swg: il disagio sociale si fa sentire soprattutto al Sud

autore: Piotr Zygulski
sondaggi politici swg disagio sociale aumento

Sondaggi politici Swg: il disagio sociale si fa sentire soprattutto al Sud

Gli italiani percepiscono un aumento di fenomeni quali emigrazione, indigenza e violenza. Il disagio sociale è avvertito ovunque, ma particolarmente nel Mezzogiorno.

Sondaggi politici Swg: il disagio sociale

L’istituto Swg a fine novembre 2014 ha domandato agli intervistati quanto avvertissero il disagio sociale di vario tipo, dalla povertà alla violenza, nella zona di residenza. Nella scheda qui sotto sono riportati i risultati percentuali di coloro che ritengono che tali problemi siano molto gravi. La media nazionale è pari al 16%, con le regioni settentrionali – 12% al Nord Est e 13% al Nord Ovest – che hanno un dato leggermente inferiore, mentre è il Sud Italia ad alzare la media. Infatti, nel Mezzogiorno è un rispondete su 4, precisamente il 25%, a percepire come molto grave il disagio sociale nel proprio territorio. Sopra la media anche i risultati delle Isole Sardegna e Sicilia.

sondaggi politici swg disagio sociale

 

Sondaggi politici Swg: i problemi in forte aumento

Il secondo quesito entra nello specifico per comprendere più dettagliatamente quali siano i problemi maggiormente in aumento che contribuiscono a mantenere alta la percezione del disagio sociale tra gli italiani. Innanzitutto emigrazione e indigenza, che rispettivamente per il 34% e il 33% degli intervistati sono fortemente in crescita. La povertà quindi aumenta e sempre più persone tentano di emigrare in cerca di situazioni economiche migliori. Un’altra problematica che può destare preoccupazioni crescenti è quella della violenza, che a detta del 23% dei rispondenti risulterebbe anch’essa più diffusa rispetto ai tempi passati. Inoltre è il 13% a notare un incremento della piaga sociale dell’alcolismo e l’11% delle tossicodipendenze.

sondaggi politici swg disagio sociale aumento

Se dal dato nazionale, come si è detto, risulta che il 23% dei rispondenti avverte come in forte aumento i fenomeni violenti, questa quota potrebbe essere presente grosso modo presente in egual misura su tutto il territorio nazionale, considerando che al Nord è pari al 22%:

sondaggi politici swg violenza nord

Autore: Piotr Zygulski

Piotr Zygulski (Genova, 1993) è giornalista pubblicista. È autore di monografie sui pensatori post-marxisti Costanzo Preve e Gianfranco La Grassa, oltre a pubblicazioni in ambito teologico. Nel 2016 si è laureato in Economia e Commercio presso l'Università di Genova, proseguendo gli studi magistrali in Filosofia all'Università di Perugia e all'Istituto Universitario Sophia di Loppiano (FI), discutendo una tesi su una lettura trinitaria dell'attualismo di Giovanni Gentile. Attualmente è dottorando all'Istituto Universitario Sophia in Escatologia, con uno sguardo sulla teologia islamica sciita, in collaborazione con il Risalat Institute di Qom, in Iran. Dal 2016 dirige la rivista di dibattito ecclesiale Nipoti di Maritain. Interessato da sempre alla politica e ai suoi rapporti con l’economia e con la filosofia, fa parte di Termometro Politico dal 2014, specializzandosi in sistemi elettorali, modellizzazione dello spazio politico e analisi sondaggi.
Tutti gli articoli di Piotr Zygulski →