•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 5 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Padoan: “La crescita? No scorciatoie ma riforme”

pensioni padoan volkswagen

“Non ci sono scorciatoie per la crescita, nè bacchette magiche, bisogna affrontare i problemi profondi alla radice della crescita insufficiente“: lo ha detto il ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, indicando riforme, più integrazione nel mercato interno e investimenti come i tre pilastri per la crescita.

“Caro direttore, il commento di Luigi Offeddu sulla presidenza di turno dell’Ue (‘L’ultima occasione per riscattare il semestre europeo)” pubblicato ieri sul Corriere della Sera “sottovaluta quanto è stato fatto dall’Italia a partire dal primo luglio”. Così il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan in una lettera al quotidiano di Via Solferino. “Mi limito a ricordare che sei mesi fa crescita e investimenti erano temi estranei alla prospettiva di Bruxelles. Grazie all’iniziativa italiana, oggi l’Unione Europea è al lavoro su tre fronti: le carenze sia sul lato della domanda che sul lato dell’offerta, la necessità di spingere l’acceleratore sugli investimenti, la relazione tra l’attuazione delle riforme strutturali e la flessibilità nel consolidamento di bilancio”.

premier renzi e ministro economia padoan

Dalle leggi di stabilità dei Paesi euro, continua il ministro, “traspare in modo netto la consapevolezza di quanto queste dimensioni delle economie nazionali siano legate tra loro e con i destini comunitari. Il lavoro della presidenza italiana ha certamente contributo a far maturare questa consapevolezza”. Il commento di Offeddu, scrive ancora Padoan, “ignora i risultati raggiunti per il contrasto a evasione ed elusione fiscale, che rendono più eque ed equilibrate le condizioni competitive tra imprese”, come l’accordo politico per lo scambio di informazioni fiscali dal 2017. “Infine, abbiamo messo in agenda la Capital Markets Union quale passo ulteriore per l’integrazione del mercato finanziario. Questi sono solo gli esiti più evidenti di un lavoro negoziale che deve mettere d’accordo 28 Stati diversi. I risultati – sottolinea Padoan – non si manifestano da un giorno all’altro, ma il lavoro sta già contribuendo a cambiare l’orientamento del Paese e delle istituzioni comunitarie”.

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: