•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 9 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Lite Gomez Orfini: l’ennesima puntata del tele-pollaio all’italiana

Aldo Biscardi, indimenticato sacerdote del “Processo del lunedì”, soleva redarguire i suoi rissosi ospiti con testuali parole: “Non parlate tutti insieme, al massimo due o tre alla volta”. Con questa gemma si può riassumere anche la lite Gomez Orfini avvenuta ieri nel ring di Piazzapulita, l’ennesimo capitolo alza-share di quel tele-pollaio a puntate rappresentato dai talk show nostrani.

Il dibattito, manco a dirlo, verte sull’inchiesta Mafia Capitale: arbitra Corrado Formigli. Prende la parola Peter Gomez, direttore del fattoquotidiano.it. Il giornalista bolla come chiacchiere le rituali promesse di rinnovamento e di pulizia interna piovute dal mondo politico come corollario allo scandalo giudiziario che ha travolto l’amministrazione capitolina. Gomez adduce a supporto della sua tesi il caso di Azzollini (Ncd) e Papania (ex Pd), per i quali il Senato ha negato l’utilizzo delle intercettazioni.

In diretta tv lo scontro su Mafia Capitale

Da qui la risposta di Orfini, da poco nominato commissario del Pd romano: “Gomez stai facendo una porcheria. Devi spiegare il perché di quel voto. Lei non capisce nulla. Stai provando a buttarla in caciara”. Più che una risposta, quello di Orfini è un contrappunto polifonico che si accavalla alla linea melodica di Gomez, il quale però non gradisce lo spartito e sbotta: “Orfini mi lascia parlare? Parlo io e poi lei mi contraddice. Lei è un arrogante, un piccolo arrogante”. Altro che Bach. “Gomez, così fa schifo, questo non è giornalismo”, replica Orfini. E via interrompendo, tra una carineria e l’altra. Il tutto sotto lo sguardo divertito e semivigile di Maurizio Gasparri.

Legge Severino, Cantone all’Anticorruzione, legge anti-riciclaggio e undici detenuti per corruzione su 60mila nel febbraio 2013 (troppo pochi, nel Paese più corrotto d’Europa, suggerisce Gomez: che se ne arrestino di più): tutto si mischia nel marasma generale, trasmettendo allo spettatore poche idee e ben confuse. A un certo punto – e fa quasi tenerezza – si ode la vocina di Corrado Formigli che annaspa nella caciara: “Scusate, ci sarà una verità oggettiva su quello che state dicendo?”. Ovvio che c’è. Ma tutto sommato, a chi importa?

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: