•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 19 dicembre, 2014

articolo scritto da:

Mafia Capitale, Alfano e Grasso in coro: “Norme per favorire pentitismo”

grasso al senato

In contemporanea con la decisione del tribunale dei Riesame di Roma di confermare il carcere per Salvatore Buzzi, Giovanni De Carlo e altri 9 indagati nell’ambito dell’inchiesta denominata “Mafia Capitale” (torna libero tra gli altri Riccardo Mancini, ex Amministratore delegato di Ente Eur), intervengono nel dibattito il ministro dell’Interno Angelino Alfano e il Presidente del Senato Pietro Grasso. Nei giorni scorsi non si è parlato d’altro: nuove norme, pene più pesanti, “daspo per i corrotti”, “via i ladri!”, “vergogna!”.

L’Inchiesta. “Ho visto tanta approssimazione nel giudicare l’inchiesta. Rinnovo la stima e la fiducia al procuratore di Roma Giuseppe Pignatone per un’inchiesta che è fondata” dice Angelino Alfano alla presentazione dei risultati operativi della Dia nel 2014. Poi sull’ipotesi di scogliere il comune di Roma, Alfano continua: “La Commissione prefettizia è al lavoro” ma bisogna agire con i piedi di piombo quando si tratta di sospendere la democrazia”.

alfano

Mafia 2.0. Alfano: non si può pensare che “l’organizzazione mafiosa sia un club con sede a Corleone e con uomini con la coppola. La mafia è metodo e cultura”. Segue Grasso a ruota: “le mafie sono cambiate, il volto violento e brutale della criminalità organizzata non è più il grave pericolo”. E allora quale sarebbe questo pericolo? “E’ il volto scuro delle mafie a doverci spaventare- annuncia il Presidente di Palazzo Madama- quello che si infiltra dentro la società, dentro le istituzioni, dentro l’economia, che controlla territori e impedisce lo sviluppo e una piena democrazia”.

Tutti corrotti.  Secondo l’Institut de criminologie et de droit pénal di Losanna, ci sarebbero solo 156 detenuti per reati economici e fiscali: lo 0,4%, 10 volte in meno rispetto alla percentuale europea (4,1%). Anche il ministro Alfano commenta i dati: “La corruzione è un cancro che spesso si sposa con le organizzazioni criminali e occorre essere ancora più duri dal punto di vista normativo” perciò “sono pronto a sostenere una norma che favorisca il pentitismo nei sistemi corruttivi”. Gli fa eco Grasso: “è necessario ricorrere ad una legislazione premiale per chi denuncia comportamenti illeciti, come avviene per la criminalità organizzata”.

Giacomo Salvini

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: