•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 21 gennaio, 2015

articolo scritto da:

Discorso sullo stato dell’Unione, Barack Obama: “la crisi è finita”

obama, usa

Il presidente Usa Barack Obama ha tenuto il suo penultimo discorso sullo stato dell’Unione. Forte di una popolarità sopra il 50% ha ostentato la propria sicurezza davanti al Congresso in mano ai Repubblicani.

Spavalderia

Obama si è mostrato fiducioso e, a tratti, “spavaldo” hanno scritto sul New York Times. Al tradizionale appuntamento della politica americana Obama ha “dichiarato vittoria” sul fronte della crisi economica, in seguito agli ultimi dati incoraggianti dell’economia americana, su quello della politica estera (in virtù dell’accordo con Cuba e con la Cina sul clima).

Lo stato dell’Unione è forte” ha detto Obama, commentando i dati del Pil statunitense, cresciuto, nel terzo trimestre del 2014, a un tasso annualizzato del 5 per cento. Un risultato simile è stato raggiunto l’ultima volta nel terzo trimestre del 2003. “Ora sta a noi scegliere cosa vogliamo diventare nei prossimi 15 anni. Vogliamo un’economia in cui solo pochi di noi se la cavano spettacolarmente bene? O ci impegneremo ad avere un sistema che genera introiti e opportunità crescenti per chiunque si impegni? Il verdetto di questi ultimi anni è chiaro. Le politiche per la classe media funzionano. Espandere le opportunità funziona. E queste politiche continueranno a funzionare finché la politica non si metterà in mezzo” con queste parole Obama ha sancito il “cambio di marcia” dell’economia americana.

obama unione

Eredità

Manca poco alla fine dell’amministrazione Obama. Il ritorno di quelle “parole chiave” che hanno scandito l’inizio della sua carriera sembra indicare il bisogno di lasciare un’impronta, una “legacy”. Obama ha proposto di alzare le tasse ai più ricchi, introdurre una nuova imposta per banche e istituti finanziari con più di 50 milioni di dollari di asset, portare al 28% l’aliquota sulle rendite finanziarie per tagliare le tasse alle famiglie, mandare gratuitamente i giovani al college, investire in infrastrutture e aumentare i benefit fiscali e sociali per i cittadini.

In questi anni a ogni passo ci è stato detto che i nostri obiettivi erano sbagliati o troppo ambiziosi, che avremmo distrutto posti di lavoro e fatto esplodere il deficit. Invece abbiamo ottenuto la più veloce crescita economica in un decennio, il deficit tagliato di due terzi, il mercato della borsa che ha raddoppiato le sue dimensioni e l’inflazione nel settore sanitario al livello più basso degli ultimi cinquant’anni” ha detto l’inquilino della Casa Bianca, mandando un chiaro segnale ai Repubblicani, che tengono in mano il Congresso, accusati di aver sempre usato il veto contro i suoi tentativi di riforma. “Fate appello alle migliori qualità degli americani e non alle nostre peggiori paure” ha chiesto Obama ai conservatori, anche se le possibilità che comincino a collaborare con il presidente sono molto scarse.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: