•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 15 aprile, 2015

articolo scritto da:

Cina: il colosso asiatico rallenta, la crescita al 7% nel primo trimestre

cina crescita

Cina: la seconda economia mondiale rallenta. Nel primo trimestre del 2015, la crescita del colosso asiatico si ferma al 7%.

Cina: mai così lenti dall’inizio della crisi

La crescita economica della Cina, nei primi tre mesi del 2015, si è fermata al 7%, toccando il livello più basso dall’inizio della crisi cominciata nel 2009. Nello scorso trimestre, conclusosi a dicembre, aveva raggiunto il 7,3%. I primi problemi sono emersi nel 2014, quando l’economia cinese è cresciuta al ritmo del 7,4% il più lento mai registrato a partire dal 1990: per la prima volta dopo 15 anni la Cina ha mancato l’obiettivo del 7,5%.

Nonostante il rallentamento evidenziato da tali dati, l’economia di Pechino continua a crescere, infatti, non sono pochi gli analisti che ne sottolineano la “resistenza fuori dal comune”. Tuttavia, gli stessi analisti prevedono che una crescita più lenta combinata con il raffreddamento del mercato immobiliare – finora dimostratosi un volano economico fondamentale – sarà alla base di nuovi tagli ai tassi di interesse da parte della Banca Centrale.

cina li keqiang

I tagli ai tassi di interesse – l’istituto centrale vi è già ricorso lo scorso novembre e poi di nuovo a febbraio – insieme alle iniezioni di liquidità sono gli strumenti principali con cui Pechino crea le possibilità di crescita economica.

Cina: rischio calcolato ma preoccupa l’occupazione

Un mese fa Li Keqiang, primo ministro cinese, durante il discorso di apertura dell’Assemblea Nazionale del Popolo, aveva già riferito indicativamente i numeri che adesso sono stati confermati dall’Ufficio Nazionale di Statistica cinese. Dunque, il rallentamento era stato ampiamente previsto dalle autorità di Pechino, e ancora rientra nei parametri di relativa stabilità economica, ma se il colosso asiatico continuerà a perdere colpi potrebbero nascere delle criticità sul fronte dell’occupazione.

Sheng Laiyun, portavoce dell’Ufficio di Statistica, commentando il rapporto sull’economia nazionale appena divulgato, ha fatto presente che i dati sulla crescita devono essere inquadrati nel contesto delle “profonde correzioni” che si stanno verificando a livello mondiale, della volatilità dei tassi di cambio e dei prezzi delle materie prime, della “dolorosa” ristrutturazione del mercato interno. “Non dobbiamo abbassare la guardia” ha concluso Sheng.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: