•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 15 aprile, 2015

articolo scritto da:

Sondaggio Demos: solamente il 30% degli italiani ha fiducia nella magistratura ( 13-04)

Sondaggio Demos magistratura

Il sondaggio Demos pubblicato da Repubblica il 13 Aprile è dedicato al rapporto tra la magistratura e gli italiani che purtroppo è tornato al centro del dibattito pubblico dopo l’assurdo e ingiustificabile massacro nel Tribunale di Milano. Gherardo Colombo, Rodolfo Sabelli ma anche lo stesso Presidente della Repubblica, Mattarella, hanno tempestivamente dichiarato il loro grido di disappunto contro le campagne politiche e a mezzo stampa che hanno puntato e puntano tutt’ora è infangare e screditare la magistratura.

Cosa pensano gli italiani su questo delicato argomento e come è variato nel tempo il sentimento-risentimento del popolo verso gli ambienti giudiziari? Sicuramente come in tanti hanno sottolineato è scorretto pensare che l’azione criminale sia più o meno riconducibile alle condizioni dell’ambiente sociale. E’, però, evidente che il rapporto tra l’opinione pubblica e il mondo della giustizia viva da alcuni anni un momento di profonda crisi. Secondo Ilvo Diamanti solamente il 30% degli italiani attualmente ha fiducia nella magistratura. Per dare un termine di paragone questo dato negli anni di tangentopoli arrivò a sfiorare il 70%, senza particolari distinzioni di appartenenza partitica, cosa che accade oggi. La ricerca demoscopica rileva come il 41% dell’elettorato Pd dimostri fiducia nell’operato della magistratura. Il dato scende in maniera verticale se si guarda al centro-destra, arrivando al 25% tra gli elettori forzisti e addirittura al 18% tra i leghisti. Si potrebbe definire scettica la base dei 5 Stelle in quanto circa tre su dieci mostrano apprezzamento verso il lavoro dei magistrati.

Sondaggio Demos magistraturaCosa è successo quindi in questo ventennio? Secondo il Presidente Demos la debolezza dei partiti e il vuoto politico, unite ad corruzione ormai endemica e pervasiva hanno allargato lo spazio della magistratura che si è ritrovata “immischiata” nella realtà politica e nella vita pubblica. Insomma i magistrati si sono ritrovati volenti o nolenti ad avere un ruolo politico a causa delle sempre più frequenti inchieste riguardanti la corruzione, il malaffare e i partiti, divenendo “garanti della pubblica virtù“, come osserva Alessandro Pizzorno. La scelta di alcuni come Di Pietro, Ingroia, Emiliano, De Magistris di lasciare il ruolo precedente e di divenire attori politici di rilievo ha, inoltre, influito nel creare nell’immaginario collettivo l’immagine di una magistratura politicizzata ampiamente cavalcata e abusata irresponsabilmente dal mondo berlusconiano. Da controllori moralizzatori del sistema nel 1992, per alcuni sono divenuti nel corso degli anni attori e giocatori verso cui rivolgere sentimenti, risentimenti, simpatia o odio.

In conclusione è bene evidenziare come un precedente sondaggio Demos ( marzo 2015) abbia evidenziato come praticamente per una persona su due la corruzione politica sia maggiore adesso che negli anni di tangentopoli.

 

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: