•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 6 maggio, 2015

articolo scritto da:

Perché Renzi è stato costretto a porre la fiducia sull’Italicum

sguardo intenso tra ministro riforme boschi e premier renzi

L’Italicum è leggeAspettando Godot, sotto forma della grande incognita sulla riforma costituzionale del Senato. Non ci sono i numeri al Senato, difatti, per approvarla: e senza questa, l’Italicum è una gamba senza un tavolo. Ma, intanto, è stato approvato ed è un indubbio successo personale di Matteo Renzi: unico a riuscire in un’impresa ricercata e promessa da altri quattro premier prima di lui, negli ultimi dieci anni. Far approvare una nuova legge elettorale.

Fronte anti Italicum

Certo, è stato approvato alla Camera con meno voti della maggioranza di governo, l’Aventino di tutte le opposizioni e i dem spaccati con una cinquantina di voti contrari alla fiducia. Pomo della discordia del recentissimo, infuocato, dibattito politico. Per opporsi a questa decisione del premier, definita “arrogante”, “fascista”, “morte della democrazia”, sono stati lanciati crisantemi in aula, si sono imbavagliati autorevoli ex banchieri in Piazza Montecitorio, sono state rilasciate da ovunque e da chiunque feroci dichiarazioni ad ogni agenzia.

Il ministro Maria Elena Boschi con tabelt e appunti si allontana daii banchi del governo con vestito rosso e guarda verso il suo lato sinistro

Motivi della fiducia sulla legge elettorale

In realtà, ai più attenti osservatori parlamentari non può sfuggire che molto, se non tutto quanto sopra possa ridursi a poco altro che al teatrino della politica: essenzialmente, sono due le ragioni che hanno indotto e costretto il premier a questa scelta. Una più tecnica, una più politica.

boschi riceve i complimenti da un deputato a cui porge le mani dopo approvazione italicum

La prima, più tecnica, deve considerare il contesto nel quale è stata presa. Forza Italia e le opposizioni hanno richiesto, come del resto da loro diritto, di utilizzare il voto segreto nella discussione in aula. Lo scopo, neppure troppo velato, era assemblare un’improbabile maggioranza, costituita dalle opposizioni e da una parte del PD, al fine di effettuare anche una, sola, piccola modifica alla legge, per farla poi rimandare al Senato e farla così arenare.

Per il più semplice, ed efficace, esempio del nostro procedimento legislativo a bicameralismo perfetto. Che proprio Renzi e l’Italicum vorrebbero rottamare. Va ricordato, difatti, che l’Italicum al Senato fu votato coi voti decisivi di Forza Italia, ora persi dopo il tragico affondamento del patto del Nazareno. Per farla breve: se l’Italicum fosse tornato in Senato, sarebbe morto. E saremmo tornati al punto zero.

L’unica possibilità che aveva Renzi di blindare il testo, e quindi approvarlo, era porre la questione di fiducia. Quei deputati, che protetti dal voto segreto avrebbero certamente modificato qualche postilla, non avrebbero rischiato di far saltare la legislatura. E così è stato, trasformando poi l’Italicum, già approvato in Senato, legge. Vi è, poi, una motivazione più politica che ha indotto il premier a questa scelta: forte, certamente; audace e sfrontata, anche. Quanto legittima.

Minoranza Pd dopo l’approvazione dell’Italicum

Appare evidente come, ormai, sia proprio Renzi ad avere tutto l’interesse a marginalizzare la sinistra politica e la minoranza del suo partito. La politica, oggi, si fa coi sondaggi: non con gli ideali. Consensi, a sinistra, ne trova sempre meno. Mentre, al contrario, il centrodestra rimane il terreno più fertile dove cercare voti e allargare la base del Pd, a immagine e somiglianza del premier fiorentino.

Bindi e Colaninno con sguardo deluso dopo approvazione Italicum

La questione di fiducia ha fatto apparire Matteo Renzi, anche ai meno avvezzi alla politica, un vero e proprio decisionista: pur di ottenere un risultato atteso ormai da anni e simbolo di una politica che non decide, schiaccia la minoranza del suo partito. La sinistra, del suo partito. E gli ultimi sondaggi confermano proprio questa tendenza: il Pd perde sì consensi a sinistra, ma ne guadagna altrettanti a destra. Nella terra (quasi) di nessuno.

Renzi firma Italicum “Dedicato a chi ci ha creduto”

“Una firma importante. Dedicata a tutti quelli che ci hanno creduto, quando eravamo in pochi a farlo #Italicum”. Lo scrive il premier Matteo Renzi su Twitter postando la foto della firma sulla nuova legge elettorale.

Giorgio Borrini

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: