•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: venerdì, 15 maggio, 2015

articolo scritto da:

Radicali, Polizia sequestra piantagione cannabis alla segretaria Rita Bernardini

Cinquantasei piante di cannabis sono state trovate nell’abitazione della segretaria dei Radicali italiani, Rita Bernardini, e sono state sequestrate dalla squadra mobile di Roma. Bernardini è indagata per il reato previsto dall’art. 73 d.p.r. 309/90 (divieto di coltivazione di piante di marijuana). Tutti gli atti verranno, entro oggi, postati sul profilo Facebook di Rita Bernardini che ha dichiarato: “Mi meraviglio che nei miei confronti non si sia proceduto all’arresto, come accade ogni giorno in tutta Italia a tantissimi incolpevoli che preferiscono coltivarsi la marijuana per non rifornirsi al mercato criminale che si arricchisce grazie al proibizionismo”.

cannabis

Cannabis, Bernardini: “Coltivazione destinata ai malati”

“Che si voglia silenziare la nostra quarantennale lotta per la legalizzazione così come si è silenziata la relazione annuale della Direzione nazionale antimafia che si è espressa chiarissimamente per la depenalizzazione della cannabis? In ogni caso, il mio impegno è quello di continuare a disobbedire fino alla legalizzazione completa dei derivati della cannabis. Questa coltivazione-oggi sequestrata- era destinata, come le precedenti tre (oggetto di altrettante disobbedienze civili), ai malati di gravi patologie che, nonostante la legge lo consenta, non riescono ad avere accesso alla cannabis per curare e attenuare le sofferenze provocate dalla loro malattia”, sottolinea.

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Sondaggi Politici

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Giuramento della Palla avvelenata

Giuramento della Palla avvelenata

articolo scritto da: