Sondaggi Grecia, Referendum: greci pronti in maggioranza ad accettare l’accordo

Pubblicato il 28 Giugno 2015 alle 18:05 Autore: Francesco Anania
sondaggi grecia referendum

Dopo la clamorosa decisione del primo ministro greco Alexis Tsipras, votata anche nella notte dal Parlamento di Atene dove è stata approvata con 178 sì e 129 no, di indire un referendum il prossimo 5 luglio per chiedere ai greci se accettare o meno l’accordo con i creditori in vista della rata del 30 giugno del prestito da rimborsare al Fondo Monetario Internazionale, iniziano a circolare i primi sondaggi su quello che potrebbe essere l’esito del voto in Grecia.

Il dato più netto, e per le sue proporzioni anche sorprendente, arriva dalla rilevazione condotta dall’istituto Alco e pubblicato su Proto Thema evidenzia come il 57% degli intervistati si dichiara favorevole all’accordo, mentre il 29% vorrebbe la rottura dei negoziati e un 14% risulta indeciso: la maggioranza dei greci, quindi, accetterebbe le nuove misure di austerità proposte dai creditori.

La tendenza è confermata anche dal secondo dei sondaggi pubblicati in Grecia, questa volta realizzato dalla Kapa Research: secondo i dati diffusi da questo istituto il 47,2 per cento degli intervistati si dice favorevole a un accordo, contro il 33 per cento di contrari che seguirebbero quindi l’indicazione del Governo. In questo caso la percentuale di indecisi sarebbe di circa un elettore su cinque.

sondaggi grecia referendum

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Francesco Anania

Classe ‘84, si laurea in Politica e Istituzioni Comparate all’Università degli Studi di Milano. Successivamente consegue il Master in Fonti, Strumenti e Metodi per la Ricerca Sociale presso la Facoltà di Scienze Statistiche dell’Università La Sapienza di Roma e accumula esperienze in diversi ambiti, lavorando tra l’altro presso l’istituto di ricerche Ferrari Nasi & Associati e in Regione Lombardia. Ha pubblicato una raccolta di poesie ed è appassionato di politica, world music e calcio. Collabora con Termometro Politico dal 2013.
    Tutti gli articoli di Francesco Anania →