Chi vincerà il Premio Nobel per la pace?

Pubblicato il 6 Ottobre 2015 alle 13:12 Autore: Guglielmo Sano

Chi vincerà il Premio Nobel per la pace? Per saperlo dovremo attendere venerdì; le candidature quest’anno sono state 276. In pole sembra esserci Angela Merkel. Tra i candidati di spicco non poteva mancare Papa Francesco. Non potranno essere ignorati, però, il presidente colombiano Juan Manuel Santos e Timoleon Jimenez, leader dei guerriglieri FARC, sempre più vicini a raggiungere una pace che il paese latinoamericano aspetta da quarant’anni.

premio nobel per la pace merkel

Secondo Kristian Berg Harpviken, direttore del Peace Research Institute di Oslo, che ogni anno stila una lista dei candidati con maggiori probabilità di vittoria, non ci sono dubbi: vincerà la Cancelliera tedesca. La Merkel “è stata l’unica che si è presa la responsabilità di guidare l’Europa sulla questione dei rifugiati” e a “guidare il processo di pace in Ucraina” facendo incontrare Putin e Poroschenko ha precisato Harpviken.

Invece, alcune famose agenzie di scommesse – su tutti Williamo Hill e Paddy Power – danno Papa Francesco in vantaggio per la vittoria del premio: il pontefice ha giocato un ruolo chiave nel riavvicinamento tra Usa e Cuba, inoltre, da quando è stato eletto ha chiesto con forza la pace tra Israeliani e Palestinesi e la fine delle ostilità in Siria, Nigeria e Ucraina.

premio nobel per la pace santos farc

Tra gli altri candidati non potevano mancare, come si diceva, il presidente colombiano Juan Manuel Santos e Timoleon Jimenez, il leader delle FARC. Già più inaspettati i nomi di Mussie Zerai, sacerdote eritreo che ha salvato centinaia di migranti grazie alla creazione di un vero e proprio “call center” che rispondeva alle richieste d’aiuto in mare, e Denis Mukwege, ginecologo congolese che si occupa di vittime di violenza sessuale. Oltre a Eduard Snowden, l’ex agente segreto che ha svelato i programmi di sorveglianza illegali dell’NSA americana, anche un giornale tra i candidati. Si tratta del quotidiano russo Novaya Gazeta, ritenuta una delle ultime voci indipendenti rimaste in Russia.

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →