Supercompenso Varoufakis, la Rai: “Mai più casi del genere”

Pubblicato il 29 Ottobre 2015 alle 16:00 Autore: Redazione
Supercompenso Varoufakis, la Rai: “Mai più casi del genere”

Il supercompenso dell’ex ministro greco Yanis Varoufakis (24 mila euro per mezz’ora di intervista a Che tempo che fa) non è piaciuto ai vertici Rai. “I vertici della Rai hanno emanato oggi una direttiva che ha rafforzato e reso più stringente il divieto per l’azienda di erogare compensi a politici che partecipano a trasmissioni televisive e radiofoniche. Il divieto – informa l’azienda – è stato infatti esteso anche a tutte le società che producono per Rai”.

Varoufakis, interviene il Codacons

Sulla vicenda, il Codacons ha presentato oggi un esposto alla Corte dei Conti. L’associazione entra così a gamba tesa non solo sui compensi elargiti dalla Rai agli ospiti delle trasmissioni, ma anche “sulla odiosa prassi della rete di Stato di affidare a società esterne format che potrebbe realizzare in casa propria”.

Varoufakis, rai

“Chiediamo – si legge in una nota comunicato diffuso dal Codacons – alla Corte dei Conti di aprire una indagine per verificare quanto sia costata complessivamente l’ospitata di Varoufakis in Rai, tra cachet e servizi concessi dalla rete, e chi abbia effettivamente versato il denaro – spiega l’associazione -. Una volta tirate le somme, la Corte deve accertare se la spesa è stata congrua o se, al contrario, ha rappresentato una forma di spreco di risorse pubbliche. Ricordiamo inoltre che trasmissioni basate su semplici interviste come Che tempo che fa sono produzioni affidate a società esterne”, in questo caso la Endemol, “nonostante la Rai abbia tutti i mezzi e le risorse per realizzare in piena autonomia non solo programmi complessi, ma anche trasmissioni di una semplicità disarmante come quella condotta da Fabio Fazio“.

Per commentare su questo argomento clicca qui!

L'autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico. Questo profilo contiene articoli "corali", scritti dalla nostra redazione, oppure prodotti da giornalisti ed esperti ospiti sulle pagine del Termometro.
    Tutti gli articoli di Redazione →