27/11/2015

VIDEO Rissa sfiorata durante i lavori del consiglio regionale della Basilicata

autore: Giuseppe Spadaro
Rissa, regione Basilicata, consiglio regionale, Francesco Mollica, fermo immagine della rissa sfiorata davanti al banco della presidenza del consiglio regionale della Basilicata

I tempi dell’intervento stavano per trasformarsi in motivo di rissa durante i lavori del consiglio regionale della Basilicata. Tre i protagonisti della storia: attore principale Francesco Mollica, consigliere regionale centrista. L’altro protagonista è il presidente del consiglio regionale della Regione Basilicata Piero Lacorazza, reo secondo l’accusa di Mollica, di gestire i tempi degli interventi in maniera troppo discrezionale. Terzo, e forse involontario, protagonista: Vito Santarsiero che ha provato a ricondurre Mollica a più miti consigli ricevendo in cambio un forte spintone sotto gli occhi attoniti dell’intero consiglio. Come si vede dalle immagini registrate dal Tg3 regionale e rilanciate su Youtube dal Movimento 5 Stelle il consigliere Mollica ad un certo punto ha iniziato ad inveire contro il banco della presidenza. Alla ripresa dei lavori, dopo la sospensione, lo stesso Mollica si è scusato per l’episodio.

Commento M5S a rissa sfiorata durante consiglio regionale Basilicata

Uno spettacolo poco istituzionale quello di ieri in Consiglio Regionale: il decano dei Consiglieri Lucani, Francesco Mollica (UDC – Gruppo Misto), perde la testa e spintona in maniera veemente Vito Santarsiero (PD) che era accorso a difendere Pittella e Lacorazza. (Immagini da TGR – Basilicata ps: Mollica non ha più occupato “la stazione” ed ha abbandonato i lavori.

Autore: Giuseppe Spadaro

Direttore Responsabile di Termometro Politico. Iscritto all'Ordine dei Giornalisti (Tessera n. 149305) Nato a Barletta, mi sono laureato in Comunicazione Politica e Sociale presso l'Università degli Studi di Milano. Da sempre interessato ai temi sociali e politici ho trasformato la mia passione per la scrittura (e la lettura) nel mio mestiere che coltivo insieme all'amore per il mare e alla musica.
Tutti gli articoli di Giuseppe Spadaro →