pubblicato: giovedì, 3 dicembre, 2015

articolo scritto da:

Elezioni comunali Roma, sempre in testa Meloni e M5S

elezioni comunali roma, elenco di partiti e candidati e percentuali

Elezioni comunali Roma, sempre in testa Meloni e M5S

Datamedia, istituto di sondaggi basato su Roma, ha cominciato ormai a tracciare le intenzioni di voto dei romani in vista delle elezioni comunali del prossimo giugno, e su cui in realtà si sa ancora poco in termini di coalizioni o candidature, ma i nomi che circolano sono chiari, e su questi si sono cimentati i sondaggisti.

Elezioni comunali Roma: M5S solidamente primo al 32,8%

Rispetto alle rilevazioni di due settimane fa, sempre di Datamedia, ben poco è cambiato.Il Movimento 5 Stelle rimane fermamente in testa con il 32,8%, staccando il PD di più di 10 punti. Il partito di Renzi segue infatti con il 21,1%, a sua volta molto più avanti degli altri partiti, tutti sotto il 10%.

Forza Italia infatti si scambia la prima posizione nel centrodestra con Fratelli d’Italia, ora è al 9% contro l’8,9% del partito della Meloni. Contando Noi con Salvini al 5,9% in totale superano il PD, ma chiaramente saranno i candidati a fare la differenze.

Sono infatti molto importanti le liste civiche: quella di Marchini è in salita al 7,5%, quella di Marino invece in calo al 4%. Il voto di sinistra del resto si distribuisce anche su SEL, che conta un ottimo 6,4% a Roma, mentre residuale anche nella capitale appare NCD-UDC, al 1,9%.

Elezioni comunali Roma: Meloni al 26,8% supera Di Battista di 5 punti

Anche per i candidati le variazioni non sono molte.

Giorgia Meloni rimane in testa con il 26,8%, tenendo a distanza Di Battista al 21,5%, che però, ricordiamolo, non può candidarsi per le regole interne al M5S, al contrario della già consigliera Virginia Raggi, che però raccoglie solo un 3,6%, e dovrà quindi, se fosse scelta, basarsi sulla popolarità del movimento nella Capitale semi-disastrata, che sulla propria fama.

Segue Marchini, in leggera salita al 13%, di cui non si sa esattamente il collocamento, avrebbe incassato l’appoggio di Italia Unica di Passera, dell’area centrista di Quagliarielo, Fitto e Tosi, mentre Orfini ha escluso un appoggio dal PD.

Marino, al 10,5%, perde quasi un punto, sembra in declino ora che l’attenzione mediatica non è più su di lui, tanto che i segmenti della sinistra a lui vicini, quelli di Sinistra Italiana e di Possibile, avrebbero già dei loro candidati, come lo stesso Fassina, o Magi, segretario dei radicali per i civatiani.

Fassina è dato al 1,5% in realtà da Datamedia, mentre Magi non è sondato.

Barca invece, del PD, è sopra il 10,5%, il più popolare dei potenziali candidati di centrosinistra, come Giachetti al 2,6% e il ministro NCD Lorenzin al 4%.

In effetti per questo schieramento il buio è ancora fitto.

elezioni comunali roma, elenco di partiti e candidati e percentuali

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

L'ultima manovra

articolo scritto da: