Pubblicato il 07/01/2016 Ultimo aggiornamento: 17 Dicembre 2016 alle 12:54

Disoccupazione in calo, ma quella giovanile rimane drammatica

autore: Daniele Errera
disoccupazione, istat, documento reddito

Articolo pubblicato da Daniele Errera il 7 gennaio 2016

Disoccupazione in calo, ma quella giovanile rimane drammatica

Dati positivi quelli dell’Istat circa il mondo del lavoro. La disoccupazione sta calando, è ai minimi storici da tre anni a questa parte. Anche la disoccupazione giovanile diminuisce mentre, di converso, cresce nuovamente l’occupazione.

Sono 2.871.000 le persone che ricercano lavoro: il 11,3%. Gli occupati sono saliti a 22.480.000, + 206.000 rispetto a novembre 2014. Un dato in controtendenza rispetto ai recentissimi di settembre ed ottobre. Poi ci sono gli inattivi (senza lavoro e senza volontà di ricercarlo): per loro la situazione si fa ancora più drammatica, vedendo le fila ingrossate di 138.000 unità rispetto al 2014.

Disoccupazione giovanile, la situazione è ancora drammatica

Ulteriormente c’è il capitolo ‘disoccupazione giovanile’: la situazione è drammatica, è vero. Specialmente in certe zone del Meridione, dove si sfonda la quota 50%. Tuttavia l’Istat dà importanti segnali di speranza: -1,2%, arrivando al 38,1%. Mai così bene dal giugno 2013.

In generale si può evincere dai dati Istat che la disoccupazione sia calata anche grazie alla diminuzione dei contratti a tempo determinato. Una vittoria del Jobs Act, secondo Renzi. Il contratto a tutele crescenti è la punta di diamante della manovra contrattuale renziana. Ne parla su Twitter lo stesso Presidente del Consiglio: “la disoccupazione continua a scendere, oggi 11,3%,è dimostrazione che il Jobs Act funziona. L’Italia che riparte, riparte dal lavoro #lavoltabuona”.

disoccupazione

 

E non è solo l’Italia. A dare notizie positive su quasi tutta l’Eurozona è l’Eurostat, quando afferma come la disoccupazione sia passata dal 10,6% al 10,5%, mentre a novembre 2014 era addirittura al 11,5%. Sul vecchio continente in generale, inteso come Unione Europea a 28 Stati, si è passati dal 9,2% al 9,1% di disoccupazione. Dati incoraggianti per una prossima ripresa economica.

Daniele Errera

Autore: Daniele Errera

Nato a Roma classe 1989. Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali con la tesi "Dal Pds al Pd: evoluzione dell'organizzazione interna". Appassionato di politica, ha ricoperto vari ruoli nel Partito Democratico e nei Giovani Democratici. E' attivo nell'associazionismo territoriale.
Tutti gli articoli di Daniele Errera →