03/06/2014

Poletti: “Sui 2500 esuberi Cai-Etihad, Alitalia incontri i sindacati”

autore: Daniele Errera

2.500 unità è una cifra troppo elevata secondo il Ministro del Lavoro e della Previdenza Sociale, Giuliano Poletti, riguardo gli esuberi di personale Alitalia, i quali verranno effettuati nel momento in cui Etihad formerà la joint venture con la compagnia aerea nostrana.

I 2.500 sono tanti, sostiene Poletti. Sui numeri si deve ancora decidere definitivamente: “parte il confronto, c’è una regia del ministro alle Infrastrutture Lupi, mentre il ministero del Lavoro è a disposizione per la parte che gli compete, ammortizzatori sociali e problemi relativi al lavoro”. I sindacati, difendendo la categoria dei lavorati, vanno coinvolti secondo Poletti: “è prevedibile e necessario un confronto tra le parti e quindi Alitalia dovrà incontrare i sindacati”. E’ comunque certo ci siano “situazioni diverse, c’è personale di volo e di terra, c’è una situazione precedente, c’era un piano legato ad Alitalia e c’è già un nucleo di persone con cassa integrazione a zero ore”.

Alitalia-Etihad, trattativa quasi conclusa tra le proteste di Lufthansa

L’ex presidente di Lega Coop afferma, infine, come “bisognerà riconsiderare tutta questa situazione. Non abbiamo idea di quanto costi, c’è un fondo volo che è nelle disponibilità del ministero delle Infrastrutture. Bisogna capire come questa situazione si configurerà non essendoci ancora un accordo. Da quel che posso capire io c’è una valutazione attorno a 2.400/2.500 esuberi, almeno per quelle che sono le risultanze pubbliche, poi la discussione di merito ci sarà quando Alitalia e le parti discuteranno il piano”.

Daniele Errera

Autore: Daniele Errera

Nato a Roma classe 1989. Laureato in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali con la tesi "Dal Pds al Pd: evoluzione dell'organizzazione interna". Appassionato di politica, ha ricoperto vari ruoli nel Partito Democratico e nei Giovani Democratici. E' attivo nell'associazionismo territoriale.
Tutti gli articoli di Daniele Errera →