Pubblicato il 04/06/2014

Destro avrebbe rifiutato la convocazione ai mondiali

autore: Lorenzo Stella
destro mondiali

Sono passate 48 ore dalle convocazioni ufficiali di Cesare Prandelli per il Mondiale ed iniziano ad emergere i primi retroscena: Destro avrebbe rifiutato la convocazione come “riserva” di Giuseppe Rossi.

Fino a 24 ore prima dell’inizio del mondiale, stando alle regole, non è possibile modificare la rosa dei convocati, ma se qualcuno di essi dovesse incorrere in un infortunio certificato dalla commissione medica della FIFA, allora si potrà convocare un altro giocatore. Ecco spiegate, per chi fosse poco preparato sul regolamento dei mondiali, le convocazioni di riserva. Oltre agli ormai noti nomi della lista dei convocati ufficiali, Prandelli ha deciso di portare in Brasile alcune riserve. Fin dal due giugno si sapeva, viste le condizioni di Barzagli e Paletta, che Ranocchia sarebbe stato portato in Brasile; ora, con le preoccupanti condizioni di Sirigu, è stato deciso di prenotare un volo anche per il portiere del Parma Mirante.

destro mondiali

Prima del match contro l’Irlanda, anche Destro avrebbe dovuto partire per il Brasile in qualità di riserva di Rossi, ma l’attaccante romanista, una volta ascoltato il verdetto di Prandelli, si deve essere sentito ferito nell’orgoglio, tanto da pronunciare un inaspettato: “Ora ci penso”. Caso vuole che Pepito, dopo aver dimostrato la propria condizione in gara, sia stato escluso dalla lista dei 23, cosa che, di fatto, ha tolto Prandelli dall’impaccio e che ha liberato il posto a Insigne.

Fonti vicine al giocatore riferiscono che Destro si sia espresso in maniera poco accondiscendente poiché riteneva di potersela giocare alla pari con l’attaccante viola. Altre voci, invece, sostengono che la giovane punta abbia infine accettato a malincuore l’incarico di riserva, anche se sembra strano che non sia stato inserito nella lista per il volo degli azzurri.

Certo è che sentire un attaccante di 22 anni rifiutare un ruolo, anche se di riserva, in nazionale, per di più ai mondiali, è strano ed inaspettato.

Autore: Lorenzo Stella

Nato a Carmagnola (TO) il 3 ottobre del 1992, studio presso l'Università degli studi di Torino, corso di laurea in Scienze politiche e sociali. Scrivere è, da sempre, la mia più grande passione e, dopo aver scritto per alcune testate sportive locali, ho iniziato a scrivere per la testata on-line Termometro Politico nel maggio del 2013. Da febbraio del 2014 ricopro il ruolo di Vice-caporedattore della sezione sportiva di Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Lorenzo Stella →