•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 24 agosto, 2016

articolo scritto da:

Il debito pubblico in Europa – le infografiche

DEBITO IN EUROPA, mappa dell'Europa

Il debito pubblico in Europa – le infografiche

Ogni tanto l’argomento scompare dai radar, dopo la crisi greca del luglio 2015, o dopo la fine del panico da spread, eppure nei circoli economici europei questo rimane IL problema numero uno, ovvero il debito pubblico, che con la crisi economica è cresciuto in tutta Europa, ma soprattutto nei Paesi più colpiti, come Italia, Grecia, Spagna, Portogallo, Irlanda, i PIIGS insomma.

Storia saputa e risaputa.

Ma a che punto siamo ora? E’ ancora emergenza? Per tutti?

Vediamo con le nostre infografiche

Debito pubblico: in Europa comincia la discesa, in Italia rimane altissimo – infografiche

La situazione al primo trimestre 2016 vede l’Europa divisa con un sud sommerso dal debito, al 135% del PIL in Italia, al 176% in Grecia, al 129% in Portogallo, al 100% in Spagna.

Altrove solo in Belgio si supera il 100%, mentre in Irlanda si è tornati all’80%, in Inghilterra si sta sul 87% come in Austria, la Francia lotta per rimanere sotto il 100% ma con i livelli di deficit che rimangono alti è dubbio ce la faccia, mentre la Germania, come sempre la più virtuosa, dopo aver toccato l’80%, è al 71%

L’Est Europa, che negli anni dalla Caduta del muro ha in generale seguito politiche neo-liberali lontane dalla spesa pubblica, ha i rapporti debito/PIL più bassi, fino al 9,6% estone!

Ma come è evoluta la situazione nel tempo?

E’ possibile osservare come è cambiata la mappa precedente nel tempo.

Di fatto il maggiore mutamento è stato quello della Penisola Iberica: la Spagna da Paese modello con avanzo di bilancio e debito basso, subendo la crisi in modo superiore al resto d’Europa e dovendo salvare alcune banche ha visto decollare il debito pubblico dal 42% al 100% attuale.

Grandi aumenti anche Regno Unito e Irlanda, proporzionalmente anche più dell’Italia

E’ possibile selezionare un singolo Paese o anche la media europea o della zona euro e osservare l’andamento dal 2009 ad oggi.

Si noterà un graduale aumento, che a un certo punto si interrompe, nel caso della media europea all’inizio del 2015, in quello della Germania già nel 2012, nel nostro caso siamo in una situazione di massimo ed è molto dubbio se nel 2016 ci sarà un calo o se sarà ancora rimandato.

In Francia e Spagna dinamiche simili a quelle italiane, ma siamo su livelli più vicini al 100% del PIL

Due casi particolari sono Irlanda e Grecia.

Nel primo c’è stato un aumento spettacolare fino al 2013, al 124% del PIL, seguito da una parimenti spettacolare discesa all’attuale 8%. La tigre celtica ha ripreso a crescere del resto anche del 6-7%.

Nel caso greco dopo drastici tagli grazie ai condoni di debito da parte dei creditori, questo è tornato a salire, fino alla cifra monstre di 174%, il più alto del mondo dopo il Giappone.

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Conte o non Conte

articolo scritto da: