25/08/2016

Rio 2016, la mappa delle medaglie pro capite

autore: Redazione

Il medagliere olimpico di Rio 2016 non lascia spazio a molte interpretazioni. Sul podio si posizionano gli Stati Uniti, poi la Gran Bretagna (grande rivelazione del torneo) e infine la Cina. Seguono a ruota Russia (ma con l’handicap delle squalifiche per doping), Germania, Giappone, Francia, Corea del Sud, Italia e Australia. Se restringiamo il campo all’Unione Europea notiamo come i primi tre paesi con più medaglie d’oro – Gran Bretagna esclusa – sono Germania (17), Francia (10) e Italia (8). Podio che corrisponde esattamente a quello della popolazione e dell’economia a livello comunitario.

medagliere, olimpiadi, Rio 2016

 

Da notare l’ottimo risultato di Paesi Bassi e Ungheria che si posizionano all’undicesimo e al dodicesimo posto nella classifica globale, anche prima della Spagna (solo 14°) che pure ha rispettivamente il triplo e il quintuplo della popolazione olandese e ungherese.

Immagine1_Rio 2016

Come hanno sottolineato in molti, stilare una classifica in base al valore assoluto delle medaglie (d’oro) probabilmente non è il migliore dei metodi possibili per stabilire chi davvero sia uscito vincitore dai giochi olimpici. E’ abbastanza evidente, infatti, come gli Stati più popolosi siano avvantaggiati nel successo sportivo (anche se ci sono delle eccezioni, vedi India). In realtà, questa è una discussione che va avanti da molto tempo (più o meno da quando esistono i giochi) ma ad oggi non è stato trovato ancora un metodo migliore per misurare la vittoria di un paese rispetto ad un altro.

Rio 2016, il podio delle medaglie pro capite

Il matematico Jakub Marian, così, ha costruito una mappa europea delle medaglie d’oro pro capite. In questa speciale classifica, sul podio europeo si posizionano Croazia (11.8 medaglie per 10 milioni di abitanti), Ungheria (8,1)  e Kosovo (5,5). In realtà, come sottolinea lo stesso autore della mappa, anche queste cifre sono “ingannevoli” in quanto le popolazioni di Croazia, Ungheria e Kosovo non toccano mai i 10 milioni di abitanti (l’Ungheria è quella che si avvicina di più) perciò anche questa misurazione è sovradimensionata.

Se allarghiamo il nostro sguardo ai paesi extra europei notiamo come molti grandi paesi abbiano un coefficiente pro-capite di medaglie molto inferiore a quello di Stati europei meno significativi: Stati Uniti (1,4), Cina (0,2), Giappone (0,9), Brasile (0,4).

 

Autore: Redazione

Redazione del Termometro Politico.
    Tutti gli articoli di Redazione →