•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 26 ottobre, 2016

articolo scritto da:

Settimana del disarmo: a che punto è l’Italia?

settimana del disarmo

Settimana del disarmo: a che punto è l’Italia?

Dal 24 al 31 ottobre si celebra la settimana per il disarmo, con la quale l’ONU intende richiamare i Paesi del mondo all’impegno contro la corsa alle armi. Negli ultimi anni i governi italiani hanno giustificato i tagli operati alla spesa pubblica con la crisi e col fatto che in passato abbiamo speso troppo.  È successo con l’istruzione, con la cultura e le spese sociali. E’ successo anche con la spesa militare.

Settimana del disarmo: a che punto è l’Italia?

Secondo i dati del centro di ricerca Stockholm International peace research insitute – Sipri – il budget che l’Italia ha riservato alla spesa militare è calato costantemente a partire dal 2008: si parla di una riduzione, in termini assoluti, di oltre 6 miliardi di euro: dai 28,156 milioni del 2008, ai 21,494 del 2015. Un calo della spesa in rapporto al Pil dello 0.4%.

Ma la situazione in Europa, sopratutto in quella centrale, è molto diversa. A causa delle crescenti tensioni con la Russia e della crisi ucraina alcuni di questi Paesi hanno aumentato considerevolmente la spesa militare nel 2015. Tra questi vi sono, in primis, la Lituania (+31,9%) seguita dalla Polonia (+21,8) dalla Slovacchia (16,6%), e dalla Romania (+10,15). Anche se la Grecia non vive in prima persona le tensioni con la Russia, ha aumentato la spesa del 10%, sopratutto su pressione tedesca.

settimana del disarmo

L’Italia si classifica al primo posto, nel 2014, come paese che più di tutti ha tagliato le spese (-12,4%). Cosa che ha fatto infuriare la Nato e il suo segretario, Jens Stoltenberg, che durante l’ultimo vertice dell’Alleanza Atalantica a Varsavia ha sottolineato che i paesi membri dovranno spendere in armamaenti non meno del 2%.

In Europa solo Grecia (2,46%), Polonia (21,8%), Gran Bretagna (2,07%) ed Estonia (2,04%) hanno un budget militare superiore al 2%. Insomma da Bruxelles arrivano indicazioni contrastanti: da una parte la Commissione Europea ci impone un contenimento della spesa, dall’altra, la Nato – che ha la sua sede, anch’essa, nella capitale belga – ci impone di spendere di più.

Giacomo Pellini

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

il gattopardo 2018

il gattopardo 2018

articolo scritto da: