•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: giovedì, 15 dicembre, 2016

articolo scritto da:

Parlamento Europeo: ecco i candidati alla presidenza (quasi tutti italiani)

tajani, presidente parlamento europeo

Parlamento Europeo: ecco i candidati alla presidenza (quasi tutti italiani)

La successione a Martin Schulz potrebbe essere una battaglia tutta (o quasi) in salsa tricolore. La corsa per ereditare lo scettro di Presidente del Parlamento Europeo vede ai nastri di partenza ben 4 europarlamentari italiani candidati, da sinistra a destra dell’emiciclo.

Presidente del Parlamento Europeo: i candidati

Il 17 gennaio sarà il giorno della scelta del successore di Schulz, in carica dal 2012 e già presidente del gruppo parlamentare dei Socialisti e Democratici (S&D). E proprio l’attuale presidente del gruppo, l’europarlamentare PD Gianni Pittella, è uno dei maggiori candidati alla carica.

A contendergli la nomina sarà Antonio Tajani, europarlamentare di Forza Italia e vicepresidente vicario del Parlamento Europeo, nonché già Commissario Europeo. L’esponente forzista è, ad oggi, il candidato ufficiale del Partito Popolare Europeo (PPE), il partito di maggioranza relativa a Strasburgo.

Ma c’è molta Italia anche nelle cosiddette candidature minori. Eleonora Forenza, europarlamentare eletta con la lista L’Altra Europa con Tsipras, sarà il candidato ufficiale della Sinistra Europea.

C’è spazio anche per Piernicola Pedicini, europarlamentare M5S e candidato del gruppo EFDD, che oltre ai grillini comprende anche gli euroscettici dell’UKIP di Nigel Farage. Da segnalare anche la candidatura di Helga Stevens, che correrà per i conservatori dell’ECR.

Tutto deciso, quindi? In realtà, le cose potrebbero cambiare. Il duello tra Pittella e Tajani è frutto di una spaccatura tra PPE e S&D, che però potrebbe essere sanabile a breve. Sul tavolo, infatti, c’è anche la scelta del successore di Donald Tusk alla guida del Consiglio Europeo, di cui si discute proprio oggi. Se si troverà un accordo su un candidato socialista per il dopo Tusk – il cui mandato scade a maggio – Pittella potrebbe farsi da parte.

In alternativa sullo sfondo aleggia la sagoma di Guy Verhofstadt, presidente dei liberal democratici ALDE, già primo ministro belga e candidato alla presidenza della Commissione nel 2014. Pronto ad assumere il profilo di candidato unitario, per ricomporre definitivamente la frattura tra i due gruppi più rappresentativi dell’Europarlamento. Uno scenario che farebbe evaporare le speranze per l’Italia, a 37 anni dall’ultima presidenza tricolore targata Emilio Colombo.

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Tresette con Di Maio

articolo scritto da: