pubblicato: lunedì, 19 dicembre, 2016

articolo scritto da:

Raggi scioglie le riserve: ecco chi sono i sostituti di Frongia e Muraro

raggi, mazzillo

Raggi: Colomban non farà il vicesindaco, spunta Mazzillo

“Non ho il tempo e la disponibilità per fare il vicesindaco di Virginia Raggi”, così Massimo Colomban, assessore alle Partecipate della giunta capitolina, “uomo di Grillo” al Campidoglio, si è smarcato rispetto alle impressioni che lo vedevano già al posto del dimissionato Daniele Frongia (che resta comunque in giunta, come assessore allo Sport). Il compito che gli è stato affidato, la riorganizzazione di uno dei settori più problematici per la politica capitolina, è stato ritenuto più importante: “preferisco completarlo, prima di assumere altri impegni gravosi e/o politici”. Quindi, sarà ancora battaglia sul vicesindaco. Un “gioco al massacro” dicono alcuni, una “resa dei conti” altri.

Raggi: Colomban non farà il vicesindaco, spunta Mazzillo

La Raggi, da parte sua, vorrebbe l’ex Pd e attuale assessore al bilancio Andrea Mazzillo. Mentre buona parte dei pentastellati spinge per Marcello De Vito, presidente dell’assemblea capitolina e vicino a Roberta Lombardi, e per Paolo Ferrara, capogruppo M5S in comune.

La sindaca, forse, pensa di poter tirare ancora la corda. Tutto lascia pensare che la sua giunta sia commissariata, svolta “garantista” o meno, nonostante lei dica il contrario e ribadisca l’«appartenenza» ai 5 stelle. La spada di Damocle dell’avviso di garanzia pende su Virginia Raggi. L’atteso pretesto, dall’opposizione – e anche da molti compagni di partito – per farla fuori, potrebbe arrivare presto. La Raggi, a tal proposito, risponde con un fumoso “valuterò”. L’autosospensione, si intende.

Mentre il caos scatenato dall’arresto di Raffaele Marra non accenna a scemare d’intensità, diventa sempre più pressante la questione dell’assessorato lasciato scoperto da Paola Muraro. A capo del personale dovrebbe andare Gabriella Acerbi, dirigente notoriamente invisa ai big di Mafia Capitale. All’ambiente, invece, potrebbe toccare a Pinuccia Montanari, che ha ricoperto il ruolo di assessore “verde” a Genova e Reggio Emilia. Da qualche parte la Raggi, dovrà mollare.

Raggi: è Bergamo il successore di Frongia

Dopo l’ultima riunione di maggioranza, Virginia Raggi ha sciolto la riserva e ha trovato i sostituti di Frongia e Muraro. Sono rispettivamente Luca Bergamo, già assessore alla Cultura, e Pinuccia Montanari. “Il tema dell’ambiente e della gestione dei rifiuti rappresenta una della priorità della nostra amministrazione – spiega la sindaca Raggi – Pinuccia Montanari ha una grande esperienza nel settore e ha sempre portato avanti idee innovative che potranno contribuire ad affrontare le sfide che ci attendono. Sono certa che saprà risanare ama: l’azienda capitolina deve superare le difficoltà che hanno impedito ai suoi dipendenti di svolgere efficientemente il proprio lavoro e ai cittadini di fruire di prestazioni degne di una capitale europea”.

 

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

La mano scorticata

articolo scritto da: