Concorsi: bando per 250 funzionari amministrativi a tempo indeterminato

Pubblicato il 5 Maggio 2017 alle 14:27 Autore: Camilla Ferrandi
concorsi, concorsi pubblici

Concorsi: bando per 250 funzionari amministrativi a tempo indeterminato

Il Ministero dell’Interno ha indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, a 250 posti per l’assunzione a tempo indeterminato di personale altamente qualificato per l’esercizio di funzioni di carattere specialistico, appartenente al profilo professionale di funzionario amministrativo, area funzionale terza, posizione economica F1, del ruolo del personale dell’Amministrazione civile dell’interno, da destinare esclusivamente alle Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale ed alla Commissione nazionale per il diritto di asilo.

Concorsi pubblici: requisiti per partecipare al bando

Per l’ammissione al concorso e’ richiesto il possesso dei seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • età non inferiore agli anni 18;
  • godimento dei diritti politici;
  • idoneità fisica all’impiego e, a tal fine, l’amministrazione può sottoporre a visita medica i vincitori in qualsiasi momento;
  • posizione regolare nei confronti degli obblighi militari;
  • possesso di laurea in Giurisprudenza, Economia, Scienze dell’amministrazione, Scienze politiche, Statistica, Sociologia, Scienze giuridiche, Scienze della comunicazione (per classi di laurea specifiche vedi bando);
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, o decaduti dall’impiego statale, o licenziati per motivi disciplinari.

Concorsi pubblici: presentazione delle domande

Il candidato deve produrre domanda di partecipazione al concorso esclusivamente per via telematica, accedendo all’apposita procedura informatizzata all’indirizzo internet http://concorsiciv.interno.it. Il codice identificativo del concorso e’ 250FA.

concorsi, concorsi pubblici

La procedura di compilazione ed invio on-line della domanda deve essere effettuata entro e non oltre il 1° giugno 2017.

Concorsi pubblici: eventuale prova selettiva

Nel caso in cui il numero dei candidati sia pari o superiore a 2.500 è previsto l’espletamento di una prova preselettiva consistente nella risoluzione di 90 quesiti a risposta multipla (un’ora a disposizione), tesi a verificare la conoscenza nelle seguenti materie:

  • elementi di diritto pubblico;
  • diritto internazionale pubblico, dell’Unione europea e legislazione nazionale ed europea nell’ambito della protezione internazionale;
  • storia contemporanea, con particolare riferimento agli avvenimenti nei paesi extraeuropei dal dopoguerra ad oggi;
  • geografia politica ed economica, con particolare riferimento ai Paesi del continente africano e asiatico;
  • lingua inglese.

Concorsi pubblici: le prove d’esame

Il concorso consta di tre prove, due scritte e una orale.

La prima prova scritta, della durata di otto ore, consiste nella stesura di un elaborato in materia di diritto internazionale pubblico, dell’Unione europea e legislazione nazionale ed europea nell’ambito della protezione internazionale.

concorsi, concorsi pubblici

La seconda prova scritta, volta all’accertamento della conoscenza della lingua inglese, della durata di tre ore, senza l’uso del vocabolario, consta di tre parti diverse: reading; writing; listening.

La prova orale verte sulle materie oggetto delle prove scritte, sopra menzionate, nonché sulle seguenti altre materie:

  • storia contemporanea, con particolare riferimento agli avvenimenti nei paesi extraeuropei dal dopoguerra ad oggi;
  • geografia politica ed economica, con particolare riferimento ai Paesi del continente africano e asiatico;
  • elementi di diritto pubblico;
  • legislazione speciale amministrativa riferita alle attività istituzionali del Ministero dell’interno;
  • disciplina del rapporto di lavoro relativo al personale del Comparto ministeri (contratti collettivi nazionali di lavoro).

Durante la prova orale è previsto un colloquio finalizzato all’accertamento della conoscenza della lingua inglese attraverso la lettura ed il commento di un articolo di stampa inerente ad argomenti attinenti alla protezione internazionale. Nel corso della prova orale è accertata, inoltre, la conoscenza dell’uso degli strumenti informatici.

I vincitori, che stipuleranno un contratto individuale di lavoro, secondo la disciplina prevista dal Contratto collettivo nazionale di lavoro vigente al momento dell’assunzione, saranno sottoposti ad un periodo di prova di quattro mesi, come previsto dalle disposizioni contrattuali.

L'autore: Camilla Ferrandi

Nata nel 1989 a Grosseto. Laureata magistrale in Scienze della Politica e dei Processi Decisionali presso la Cesare Alfieri di Firenze e con un Master in Istituzioni Parlamentari per consulenti d'assemblea conseguito a La Sapienza. Appassionata di politica interna, collaboro con Termometro Politico dal 2016.
    Tutti gli articoli di Camilla Ferrandi →