Pubblicato il 20/07/2017

Bitcoin ottimo investimento, i consigli di Goldman Sachs

autore: Daniele Sforza

Bitcoin ottimo investimento, i consigli di Goldman Sachs.

Spesso si parla di bitcoin come un ottimo investimento. Altre voci, invece, affermano che investire su questa criptovaluta sia altamente rischioso. E c’è chi infine dice che il bitcoin ha già raggiunto il suo picco. Quest’ultima affermazione porta a considerare l’investimento sul bitcoin un cattivo affare. Eppure da Goldman Sachs provengono parole dolci verso la moneta elettronica. Nonostante l’assestamento delle ultime settimane, che ha seguito un forte ribasso, c’è chi è pronto a scommettere che la crescita è ancora all’orizzonte.

Bitcoin ottimo investimento: parola di Sheba Jafari

Sheba Jafari, analista di Goldman Sachs, ha previsto che il valore dei bitcoin crescerà ulteriormente nei prossimi anni. Ci vorrà comunque del tempo, ma la crescita è all’orizzonte. La stima è che il valore della moneta virtuale raggiunga tra i 3.200 e i 3.900 dollari. A oggi la criptovaluta si è attestata a circa 2.500 dollari. Nel momento in cui scriviamo, BTC/USD si attesta a circa 2.332 dollari. Per valutare l’opinione di Jafari da un’ottica analitica, bisogna considerare alcune cose. Lo scorso marzo il valore del bitcoin aveva raggiunto quota 700 dollari. A giugno toccò quota 3.000 dollari. A oggi si attesta a metà dei 2.000. In tutto questo c’è da considerare anche la crescita di Ethereum. Nonostante questa criptomoneta emergente stia subendo un forte ribasso negli ultimi giorni.

Bitcoin: le previsioni di Goldman Sachs

Secondo l’analista di Goldman Sachs, nelle prossime settimane il valore del Bitcoin subirà un ribasso. La discesa potrebbe essere vertiginosa. E il valore potrebbe arrivare fino a 1.800 dollari. Un calo non di poco conto, visto il valore attuale. Ma niente paura. Per Jafari, la criptovaluta nata durante la crisi economica potrebbe essere protagonista di un’ulteriore crescita. E raggiungere un valore medio di 3.500 dollari. La risalita potrebbe non avvenire nell’immediato. Anzi, Jafari afferma che “potrebbe volerci parecchio tempo” prima che si realizzi questo meccanismo.

Bitcoin: stiamo assistendo a una rivoluzione?

Tra qualche anno potremmo guardarci indietro e accorgerci che siamo stati testimoni passivi di una vera e propria rivoluzione. È il pensiero di Christian Catalini, docente al MIT di Boston. Intervistato da America 24, Catalini ha spiegato le enormi potenzialità del Bitcoin. E la rivoluzione che stiamo vivendo. Una rivoluzione che sta avendo “un impatto radicale sulla nostra società”. Tale da paragonare l’avvento del Bitcoin all’arrivo di internet.

La criptovaluta è nata per rispondere “ai problemi dell’industria e del sistema finanziario”, spiega Catalini. Creando un “meccanismo che permetta di trasferire valore in qualsiasi parte del globo. In poco tempo e a costo zero”.

Ragionare sui bitcoin in termine di semplici monete virtuali è scorretto. Quando si parla di Bitcoin si deve tener conto della tecnologia. Che sarà artefice di una rivoluzione. Punterà sugli interessi degli utenti. E su quelli delle compagnie. Creando un punto d’incontro immediato e diretto. È il caso dell’advertising. “L’idea è che si possa pagare senza troppi problemi quando guardiamo un contenuto. Usando proprio queste valute digitali”. In questo modo la pubblicità sarà meno intrusiva e più diretta. Mirata ai veri interessi dell’utente. In questo contesto la pubblicità diventerà un contenuto. “L’utente paga per fruire sia di un servizio sia della pubblicità correlata”. E l’azienda? “Paga direttamente il consumatore, affinché guardi le sue inserzioni”.

Un sistema questo, precisa Catalini, che è ancora sperimentale. E il cui esito è ancora difficile da prevedere. Dipenderà prevalentemente dal mercato e dallo sviluppo della tecnologia. Oltre all’attesa di una regolamentazione che tarda ad arrivare.

Bitcoin ottimo investimento? Non per tutti

Non tutti però sono d’accordo sul fatto che investire sui bitcoin sia un ottimo affare. Anzi, tutto il contrario. C’è chi parla di bolla. E chi afferma che i bitcoin hanno già raggiunto il loro picco. E dopo la vetta più alta, c’è solo la discesa. La pensa così il miliardario americano Mark Cuban. Su Twitter egli ha affermato che quella dei bitcoin è una bolla. La sua opinione è data da una semplice equazione. “Quando qualcuno si vanta su come sia facile fare $ = bolla”.

Bitcoin bolla secondo Mark Cuban

Diverso invece il discorso sulla blockchain. Cuban ha affermato che acquisirà maggiore valore. E che sarà al centro delle transazioni finanziarie in futuro. Tutti i settori la utilizzeranno.

Bitcoin e Blockchain il pensiero di Cuban

Sarà veramente così?

SEGUICI SU FACEBOOK E TWITTER

ISCRIVITI AL NOSTRO FORUM A QUESTO LINK

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →