Pubblicato il 07/08/2017

Bitcoin oltre 53 miliardi, analisi tecnica della settimana

autore: Daniele Sforza
Bitcoin e Bitcoin Cash, analisi tecnica settimana

Bitcoin oltre 53 miliardi, analisi tecnica della settimana.

Quota 3 mila dollari è stata superata di nuovo da Bitcoin questa settimana. Nei 7 giorni che hanno visto nascere Bitcoin Cash, frutto di una dolorosa separazione, la criptovaluta originaria non ha abbassato la guardia. E ha messo a segno una chiusura più che vincente grazie al record raggiunto (oltre 3.200 dollari). Questo porta la capitalizzazione complessiva di Bitcoin oltre i 53 miliardi di dollari. Un segnale forte per BTC e soprattutto per i suoi detrattori. Che testimonia ancora una volta, come se ce ne fosse il bisogno, che è lei la moneta virtuale top del momento. E che sarà difficilmente scalzabile dalla vetta.

Bitcoin sopra 53 miliardi: analisi tecnica

Gli analisti di Goldman Sachs avevano ragione e Bitcoin, dopo una discesa che ha portato la criptomoneta sulla soglia dei 1.900, è riuscita a sfondare quota 3 mila. E a raggiungere e superare i 3.200 dollari. La crescita continua anche questo inizio di settimana. Almeno al momento in cui scriviamo, infatti, BTC è in positivo con un valore di circa 3.280 dollari. Andando ad analizzare la settimana, si nota come Bitcoin sia rimasta bloccata tra i 2.700 e i 2.800 dollari nei giorni in cui si aspettava di ufficializzare Bitcoin Cash. La criptomoneta nata dalla delusione di alcuni miners e investitori insoddisfatti dei limiti della criptomoneta originaria.

Bitcoin e dollaro, grafico della settimana

Grafico: it.investing.com

C’era molta incertezza attorno al futuro di Bitcoin Cash. Incertezza spazzata subito via dalle prime performance. Dal 1° agosto, la nuova criptomoneta ha superato i 500 dollari, quindi ha raggiunto il record di 727 dollari. Aumento che ha corrisposto a una capitalizzazione totale di 12 miliardi di dollari. E al terzo posto nella classifica delle monete virtuali. Dopo uno studio dell’avversario, Bitcoin non si è lasciato sorprendere e ha recuperato mettendo a segno una performance straordinaria nelle ultime ore della scorsa settimana.

Bitcoin non ha paura del Cash

Come previsto, Bitcoin Cash ha registrato una forte volatilità in questa prima settimana. La partenza a razzo, il primo record che ha superato quota 700 dollari. Poi di nuovo il calo. Un forte calo. Al momento in cui scriviamo BCH è a 250 dollari, ma ha iniziato bene la settimana. Visto che l’attuale crescita supera il 25%. La forte volatilità continuerà? Non si sa. Gli analisti e gli investitori prestano però molta attenzione a questa nuova valuta.

Bitcoin Cash e dollaro, grafico della settimana

Grafico: it.investing.com

La criptovaluta originaria non ha tuttavia paura. Dopo una prima fase di studio, è volata sopra quota 3.200 dollari. E c’è già chi parla di possibile manipolazione del mercato. A farlo è The Cointelegraph. Secondo la testa specializzata in criptomonete, un trader con fondi pressoché illimitati starebbe effettuando spoofing sui mercati BTC. Vale a dire, il collocamento di grandi ordini di acquisto o di vendita per persuadere gli altri della realizzazione di un grande ordine che, di fatto, alla fine viene annullato. Su Bitfinex, dice la fonte, vengono effettuati con regolare cadenza ordini attorno ai 60 milioni di dollari per poi essere annullati.

Che da questo possa dipendere la forte crescita di Bitcoin registrata negli ultimi giorni è ancora molto incerto, se non inverosimile. Non ci sono ancora prove a sostegno né dell’una né dell’altra tesi, infatti. Ma la sfida tra BTC e BCH, così come i loro movimenti, è da tenere sotto molta attenzione.

SEGUICI SU FACEBOOK E TWITTER

RIMANI AGGIORNATO: ISCRIVITI AL FORUM DI TERMOMETRO POLITICO A QUESTO LINK

Autore: Daniele Sforza

Romano, classe 1985. Dal 2006 scrivo per riviste, per poi orientarmi sulla redazione di testi pubblicitari per siti aziendali. Quindi lavoro come redattore SEO per alcune testate online, specializzandomi in temi quali lavoro, previdenza e attualità.
Tutti gli articoli di Daniele Sforza →