Corea del Nord, ultime notizie: Seul prepara guerra contro Kim

Pubblicato il 9 Ottobre 2017 alle 12:49 Autore: Guglielmo Sano

Corea del Nord, ultime notizie: Seul prepara guerra contro Kim

La Corea del Sud non resterà a guardare in caso di attacco da parte dei vicini nordcoreani. Secondo alcune indiscrezioni riferite dall’agenzia di stampa Yonhap, i militari di Seul sarebbero pronti a bloccare la rete elettrica di Pyongyang. Si tratterebbe di impiegare le cosiddette “bombe blackout”; rientrano nella categoria degli ordigni “morbidi”, in pratica, non sono letali. Altrimenti conosciute come “bombe alla grafite”; quando esplodono, in pratica, diffondono dei filamenti di carbonio sui circuiti elettrici mirati.

corea del nord

Questo tipo di arma è già stato usato dagli Usa in Iraq. Durante le fasi iniziali della Prima Guerra del Golfo venne montata su missili Tomahawk; il regime di Saddam Hussein venne così privato dell’85% delle sue forniture elettriche. Allo stesso modo, le bombe alla grafite si rivelarono utili in Serbia nel 1999; l’approvvigionamento elettrico del paese venne danneggiato nella misura del 70%. Gli esperti ritengono il loro dispiegamento tatticamente utile anche in caso di minaccia nucleare da parte della Corea del Nord; molto probabile, infatti, che la sua rete elettrica sia obsoleta e concentrata in alcuni centri nevralgici.

Corea del Nord, ultime notizie: Seul prepara guerra contro Kim

Lo sviluppo delle bombe alla grafite fa parte del piano di difesa preventiva Kill Chain; individuare un attacco imminente e reagire prima che avvenga, questo l’obiettivo dei sudcoreani. Articolato in diverse fasi doveva essere completato a metà degli anni 2020; il rapido sviluppo del programma nucleare di Pyongyang ha dettato l’accelerazione dei tempi.

Al momento “non abbiamo rilevato alcun segnale a fronte dell’importante ricorrenza nordcoreana” fanno sapere oggi i vertici militari di Seul. Il 10 ottobre sarà l’anniversario della fondazione del Partito dei Lavoratori; si teme un nuovo test balistico del regime di Kim Jong-un. In ogni caso “manteniamo un alto livello di allerta; il monitoraggio avviene in cooperazione con gli Usa” hanno aggiunto dal ministero della Difesa sudcoreano.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →