Corea del Nord, ultime notizie: Putin sanziona Pyongyang, cosa cambia

Pubblicato il 17 Ottobre 2017 alle 13:53 Autore: Guglielmo Sano
corea del nord

Corea del Nord, ultime notizie: Putin sanziona Pyongyang, cosa cambia

La Russia ha criticato con durezza le provocazioni di Pyongyang nonostante i moniti indirizzati al Presidente Trump. Lunedì, lo speaker della Camera Valentina Matvienko ha chiesto alla Corea di allinearsi alle risoluzioni ONU. Le ha dato manforte il ministro degli Esteri Sergei Lavrov da Sochi, dove presenziava a un forum. Quest’ultimo ha chiarito: “non sto difendendo Pyongyang”. Mosca non è un alleata “diretta” del regime di Kim Jong-un; esiste più che altro una partnership; d’altra parte, la Russia si è finora opposta alla strategia messa in campo dagli Usa: “militarizzazione” di Giappone e Corea del Sud da un lato e sanzioni dall’altro. Per Vladimir Putin si riveleranno controproducenti; piuttosto che rinunciare al nucleare “preferiscono mangiare l’erba” ha ribadito in più di un’occasione.

corea del nord, russia

Detto ciò, la diplomazia russa ha messo in calendario per le prossime settimane una serie di incontri cui parteciperanno anche i vertici nordcoreani. Lunedì, proprio la Matvienko, durante un meeting a San Pietroburgo, ha cercato far incontrare le delegazioni di Seul e Pyongyang. Con la prima è stata a colloquio per mezz’ora; con la seconda per quasi un’ora e mezza. Non c’è stato modo di farle dialogare direttamente. Per quello che si intuisce, i nordcoreani hanno evidenziato l’importanza del nucleare in ottica autodifensiva; considerate le recenti esercitazioni militari congiunte tra marina americana e sudcoreana. Invece, già oggi potrebbe esserci un faccia a faccia tra il direttore del Dipartimento per gli Affari Nord Americani di Pyongyang Choe Son Hui e l’ex Sottosegretario Usa di Stato Wendy Sherman.

Corea del Nord, ultime notizie: Putin sanziona Pyongyang, cosa cambia

D’altro canto, a margine del convegno di San Pietroburgo, con apposito decreto, Putin ha “bloccato” la collaborazione scientifica e tecnologica tra Russia e Corea nel caso in cui contribuisca allo sviluppo del programma di nucleare. Inoltre, il Presidente russo ha ordinato di impedire l’ingresso ai porti russi alle navi nordcoreane legate al programma. La spinta decisiva per far sedere gli attori della crisi al tavolo dei negoziati potrebbe arrivare proprio dall’iniziativa russa?

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

L'autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →