29/11/2017

Bonus merito docenti: cifra ridotta del 50% nel cedolino, ecco perché

autore: Guglielmo Sano
messa a disposizione

Bonus merito docenti: cifra ridotta del 50% nel cedolino, ecco perché

Il bonus merito per i docenti: un’iniziativa più “interessante” a livello teorico che altro. Andando al sodo, infatti, il bonus che vuole premiare gli insegnanti che si impegnano di più per migliorare le proprie competenze e capacità didattiche non costituisce poi un così gran “premio”. Almeno se si considera che su di esso viene applicata una tassazione che può superare la soglia del 40%. L’ultima stangata è arrivata con la nota n.20642 rilasciata dal Dipartimento per la programmazione e le risorse umane del Miur.

In essa si può leggere che “l’importo assegnato è al lordo dipendente; cioè al netto dei contributi previdenziali ed assistenziali a carico dello Stato e dell’IRAP”. In pratica, vuol dire che la somma percepita dal singolo docente viene dimezzata. Più avanti nella carriera sono gli insegnanti più aumentano le trattenute. Quelle dei neoassunti risultano poco sotto il 40%; invece, superano il 50% quelle dei docenti più anziani: facendo risultare il bonus davvero limitato.

Bonus merito

Bonus merito docenti: cifra ridotta del 50% nel cedolino, ecco perché

Detto questo, resta sempre alta l’insoddisfazione della categoria sui criteri di trasparenza relativi all’assegnazione del bonus. Il caso più noto è quello della pubblicazione dei nominativi che, allo stato dei fatti, è a discrezione del dirigente.

Il ministero tempo fa è intervenuto sulla questione con delle FAQ tra cui primeggiava il quesito: “Come dare trasparenza alle scelte e come pubblicare i dati sull’assegnazione del bonus?”. Innanzitutto, risponde l’amministrazione, “per dare evidenza alle scelte e per promuovere un processo di condivisione risulta determinante pubblicare i criteri stabiliti dal Comitato”. Poi, in merito alla pubblicazione dei singoli premi, si precisa che “le pubbliche amministrazioni pubblicano i criteri definiti nei sistemi di misurazione e valutazione della performance per l’assegnazione del trattamento accessorio e i dati relativi alla sua distribuzione in forma aggregata“. Ciò al fine “di dare conto del livello di selettività utilizzato nella distribuzione dei premi e degli incentivi; nonché i dati relativi al grado di differenziazione nell’utilizzo della premialità sia per i dirigenti sia per i dipendenti”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Autore: Guglielmo Sano

Nato nel 1989 a Palermo, si laurea in Filosofia della conoscenza e della comunicazione per poi proseguire i suoi studi in Scienze filosofiche a Bologna. Giornalista pubblicista dal 2018 (Odg Sicilia), si occupa principalmente di politica e attualità. Cura la sezione esteri per Termometro Politico
Tutti gli articoli di Guglielmo Sano →