pubblicato: mercoledì, 6 Dic, 2017

articolo scritto da:

Suburbicon: la recensione in anteprima del nuovo film di George Clooney

suburbicon

Suburbicon: la recensione in anteprima del nuovo film di George Clooney

Il sesto film diretto da George Clooney è il noir scritto venticinque anni fa dai fratelli Coen.

Il regista utilizza una storia ambientata nel passato per riuscire a parlare del presente.

Nel 1957 nella tranquilla cittadina di  Suburbicon vivono due famiglie, con due storie diverse, una realmente accaduta e una frutto dell’immaginazione dei Coen, due realtà agli antipodi che convivono a pochi metri l’una dall’altra.

Il punto di contatto tra le due famiglie sono i rispettivi figli coetanei. I bambini sono l’emblema del futuro e fondamentali nello svolgersi del racconto.

Suburbicon: una trama che mescola realtà e verosimile

 Dal momento in cui a Suburbicon si trasferisce la famiglia afroamericana Meyers tutto il quartiere si mobilità per cacciarli. I loro vicini, i Lodge, invece, sono protagonisti di una serie di misteriosi eventi che si infittiscono sempre più e che si scioglieranno solo nel finale.  Eppure non attirano l’attenzione di nessuno poiché tutti sono troppo impegnati a inveire contro i vicini solo perché neri. E mentre da una parte le proteste violente aumentano e dall’altra gli equilibri familiari precipitano, nel giardino i bambini giocano e diventano amici.

Il razzismo e lo speach alla deep America

Clooney ha scelto accuratamente questa storia, il thriller satirico sullo sfondo dei conflitti razziali degli anni ’50 vuole parlare all’America dei giorni nostri, in particolare a  quella profonda.

Una delle modifiche che il regista ha apportato alla storia dei Coen è sottile ma importante.

È stata convertita la data di ambientazione dal 1985, come inizialmente immaginata, al 1957: così che Nicky, il bambino bianco protagonista del film ha esattamente la stessa età che Donald Trump avrebbe avuto all’epoca.

Forse può interessarti Suburra: una imperdibile serie tv in programmazione su Netflix

Suburbicon, cast e trama: la misteriosa famiglia Lodge

 

Matt Damon è Gardner, il padre di famiglia dedito al lavoro, apparentemente equilibrato. Per il ruolo ha dovuto mettere su qualche chilo e l’attore dichiara che la moglie fu molto felice di vederlo tornare in forma.

Julien Moore interpreta due sorelle gemelle, Rose e Margaret, l’una l’opposto dell’altra.

Una moglie e madre costretta su una sedia a rotelle a causa di uno strano incidente e l’altra con un segreto da nascondere a tutti i costi.

Non è la prima volta che l’attrice ricopre due ruoli. Agli esordi della sua carriera in una soap opera interpretò due sorelle e cugine: le due ragazze avevano lo stesso padre e le madri erano sorelle.

Noah Jupe, giovanissimo attore, recita nelle vesti di Nicky, figlio di questa folle famiglia. Nonostante tutto riesce a dare una nota positiva alla storia, lasciandoci con la speranza che le cose possano cambiare in futuro.

Suburbicon: una considerazione finale

 

Suburbicon non è un film con un classico finale o con il lieto fine che tutti vorrebbero ma ci da la consapevolezza che i bambini sono il futuro e che con la loro semplicità spesso sono migliori di noi adulti.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

 

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: