[TheChamp-Sharing]
[TheChamp-Sharing count="1"]

pubblicato: mercoledì, 7 febbraio, 2018

articolo scritto da:

Rottamazione cartelle bis: Agenzia delle Entrate, lettere in arrivo a metà febbraio

rottamazione cartelle

Rottamazione cartelle bis: Agenzia delle Entrate, lettere in arrivo a metà febbraio

L’Agenzia delle Entrate invierà almeno 50mila lettere, forse addirittura 60mila, intorno a metà febbraio. Saranno indirizzate a chi aveva chiesto di partecipare alla prima edizione della rottamazione delle cartelle ma poi non aveva pagato la prima rata. C’era tempo fino al 7 dicembre per estinguerla; grazie a una proroga che era stata determinata dal Decreto Fiscale collegato all’ultima Legge di Bilancio.

Il piano di rateazione eviterà di subire misure ben più “invasive” come ipoteche, pignoramenti di beni o di conti correnti. Quindi, oltre a indicare le nuove scadenze, con la missiva si informeranno i contribuenti che avevano interrotto il percorso sulle modalità con cui sarà possibile saldare il debito residuo col fisco; si potrà pagare o in 72 – in pratica, 6 anni di versamenti – o in 120 rate – 10 anni – per chi vivesse gravi casi di difficoltà economica.

Rottamazione cartelle bis: Agenzia delle Entrate, lettere in arrivo a metà febbraio

Infatti, come stabilito dal decreto del MEF risalente al 6 novembre 2013, se non si è in grado di sostenere un piano di rate ordinario, è prevista la concessione di un piano di pagamento straordinario. Per ottenerlo sarà necessario dimostrare che l’importo della rata è superiore nella misura del 20% rispetto al reddito mensile del nucleo familiare. L’indicatore da monitorare è l’ISR riportato nell’ISEE. In caso di peggioramento delle propria condizione economica e se il piano di rateizzazione non è decaduto nel frattempo, “una tantum” può essere ottenuta un ulteriore dilazione dei versamenti in 72 o 120 rate massimo.

La rottamazione delle cartelle nel 2017 ha portato nelle casse dell’erario ben 6,5 miliardi di euro; un miliardo in più rispetto alle previsioni. Tra il 2018 e il 2019, si prevede il superamento di quota 2 miliardi. Finora hanno aderito alla definizione agevolata 1,2 milioni di contribuenti.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: