• 106
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 13 febbraio, 2018

articolo scritto da:

Elezioni politiche: rimborsi M5S, chi ha tradito il Movimento?

elezioni politiche

Elezioni politiche: rimborsi M5S, chi ha tradito il Movimento?

Si allarga il caso Rimborsopoli riguardante il Movimento 5 Stelle. Per statuto, i parlamentari pentastellati versano metà del loro stipendio e i rimborsi spese non utilizzati in un conto corrente gestito dal Ministero dell’Economia. Il denaro va poi ad alimentare un fondo che serve a finanziare le piccole imprese attraverso il microcredito.

Ora, sul conto ci sono – almeno, in via ufficiale – 23,5 milioni di euro; tuttavia, la cifra potrebbe essere molto più bassa. Forse di 1,4 milioni di euro inferiore. Infatti, secondo Adnkronos risultano mancare 500mila euro; poi si è scoperto che sul conto sono stati versati 900mila euro non da parlamentari ma da consiglieri regionali ed espulsi che hanno comunque continuato a mettere la loro parte. D’altra parte, non si è ancora capito quanto dell’ammanco sia imputabile a “rimborsi falsi” e quanto ad “errori di contabilità”, peraltro, già ammessi dai vertici del partito.

Elezioni politiche: rimborsi M5S, chi ha tradito il Movimento?

Lo scandalo è scoppiato dopo un servizio delle Iene durante il quale un fonte interna ai 5 stelle (un ex) – rimasta anonima – rivelava che “almeno una decina” di parlamentari avevano usato un trucco per, insomma, tenersi i soldi. In pratica, questi facevano il bonifico per poi caricare la ricevuta sul sistema ma entro 24 ore lo annullavano e così il denaro non veniva accreditato.

Ne servizio della trasmissione Mediaset sono stati accusati, innanzitutto, i parlamentari Andrea Cecconi e Carlo Martelli. Il primo non avrebbe versato oltre 2omila euro, il secondo circa 76mila. I due sono stati candidati e con tutta probabilità saranno rieletti; tuttavia, hanno già firmato il cosiddetto “modulo Dessì”. Prende il nome dal chiaccherato candidato 5 stelle in Lazio; in teoria, in caso di elezione, chi lo firma assicura le proprie dimissioni: detto ciò, è la Camera di appartenenza che decide in merito.

Dopo Cecconi e Martelli, le Iene e la loro “gola profonda” hanno tirato in ballo anche altri due parlamentari del Movimento Maurizio Buccarella e Barbara Lezzi. Risulta coinvolto anche il senatore siciliano Michele Giarrusso. Finora hanno tutti respinto le accuse al mittente. Presto, potrebbe essere verificata la posizione anche di Danilo Toninelli.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: