•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 14 febbraio, 2018

articolo scritto da:

Rinnovo contratto scuola: aumento e sanzioni, il pdf definitivo

Rinnovo contratto scuola: aumento e sanzioni, il pdf definitivo

Rinnovo contratto scuola: aumento e sanzioni, il pdf definitivo.

Il rinnovo contratto scuola è realtà e come si può leggere dal pdf definitivo sono diverse le novità da “imparare”, soprattutto in merito alle novità normative e soprattutto economiche. Va ricordato che il rinnovo contratto scuola firmato alla fine della scorsa settimana sarà valido dal 1° gennaio 2016 al 31 dicembre 2018. E ciò vale sia per la componente giuridica, sia per quella economica. Al tempo stesso, nel comma 4 dell’articolo 2 si legge che il contratto si rinnoverà tacitamente di anno in anno alla scadenza, “qualora non ne sia data disdetta da una delle parti con lettera raccomandata almeno sei mesi prima della scadenza”. Nell’eventualità di una disdetta, “le disposizioni contrattuali restano integralmente in vigore fino a quando non siano sostituite dal successivo contratto collettivo”. Potete consultare il nuovo contratto scuola nel pdf definitivo che abbiamo diviso in due parti: prima parte e seconda parte.

Rinnovo contratto scuola: sanzioni e responsabilità disciplinari

I dipendenti dovranno rispettare alcune norme disciplinari, tra cui quella che vieta di accettare o dare regali o compensi connessi in qualche modo all’attività lavorativa. Obblighi e doveri non mutano anche per il personale Ata, chiamato a effettuare vigilanza nei confronti di studenti e studentesse; e di “assolvere ai doveri di segnalazione, ove a conoscenza, di casi e situazioni di bullismo e cyberbullismo”.

L’articolo 12 riguarda strettamente le sanzioni disciplinari, che occorreranno nel caso di violazione degli obblighi sopraccitati e inclusi nell’articolo 11. Le sanzioni possono andare dal rimprovero verbale a quello scritto; passando per una multa sull’importo fino a un massimo di 4 ore di lavoro retribuite; e per la sospensione dal servizio con conseguente sospensione dello stipendio fino a un massimo di sei mesi. Il carico delle sanzioni aumenta nel caso di comportamenti più gravi. E le conseguenze possono essere il licenziamento con o senza preavviso.

Rinnovo contratto scuola: aumenti e altre novità

L’articolo 18 corrisponde al capitolo “Congedi per le donne vittime di violenza”. Al comma 1 della suddetta voce leggiamo quindi che “la lavoratrice inserita nei percorsi di protezione relativi alla violenza di genere, debitamente certificati, ha diritto ad astenersi dal lavoro, per motivi connessi a tali percorsi”. Il periodo massimo del congedo è di 90 giorni lavorativi, fruibili nell’arco di 3 anni.

L’articolo seguente riguarda invece le unioni civili e il diritto al congedo matrimoniale. Si legge infatti che “le disposizioni di cui al presente CCNL riferite al matrimonio, nonché le medesime disposizioni contenenti le parole ‘coniuge’, ‘coniugi’ o termini equivalenti, si applicano a ognuna delle parti dell’unione civile”.

Ovviamente nel contratto sono incluse anche le voci relative all’aumento degli stipendi per il personale della scuola e per il personale Ata. Aumenti stipendiali molto discussi suddivisi in tabelle, che possono variare di media in base alla professione svolta, ma che saranno comunque di circa 85 euro medi lordi per dipendente.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Election box

Election box

Sondaggio elezioni politiche 2018

Sondaggio elezioni politiche 2018

Sondaggio elezioni regionali Lazio

Sondaggio elezioni regionali Lazio

Sondaggio elezioni regionali Lombardia

Sondaggio elezioni regionali Lombardia

Gradimento verso il Governo

Sondaggi politici - tutti i dati sulla fiducia di leader ed istituzioni

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Video crisi banche

Video crisi banche

articolo scritto da: