• 47
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: mercoledì, 28 febbraio, 2018

articolo scritto da:

Elezioni politiche, chi vincerà? Ecco chi votarono gli indecisi nel 2013

elezioni politiche

Elezioni politiche, chi vincerà? Ecco chi votarono gli indecisi nel 2013

Nel 2013, l’affluenza al voto per la Camera è stata pari al 75,19%; in pratica, su quasi 47 milioni di elettori, solo poco più di 35 si recarono alle urne. Simile la situazione per quanto riguarda il Senato; solo il 75,11% degli aventi diritto andò a votare. Per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana la percentuale dell’affluenza scese sotto quota 80%. “Astensione primo partito del paese”, insomma, usando un’espressione provocatoria.

Cosa hanno votato gli indecisi nel 2013

C’è un’altra fetta dell’elettorato, però, che pur condividendo – almeno così sembra – la delusione di chi si astiene ha già scelto di andare a votare anche se ancora non sa per chi. Sono gli “indecisi” che, secondo un recente sondaggio Quorum, per il 64% sono donne e hanno per lo più tra i 45 e i 54 anni. Cosa hanno votato gli indecisi nel 2013? A questa domanda ha tentato di rispondere la stessa indagine. Gli “indecisi” intervistati hanno risposto che 5 anni fa, alla fine, si indirizzarono verso Pd (11,5%), PdL (10,4%), Movimento 5 Stelle (10,1%), Scelta Civica (4,8%) e poi via via tutti gli altri partiti.

Elezioni politiche, chi vincerà? Ecco chi votarono gli indecisi nel 2013

Qual è la situazione attuale?

Non solo un campagna elettorale definita “triste” da molti sondaggisti anche il freddo di questi giorni potrebbe aumentare il livello dell’astensione (facendo rimanere molti “indecisi”, soprattutto anziani, a casa).

“La campana elettorale non ha inciso” sentenzia, per esempio, Roberto Weber di Ixè; ora, per quanto riguarda gli indecisi “gli spostamenti ci sono” ma più che altro “tra i partiti della stessa coalizione”. Anche Antonio Noto sottolinea l’inconsistenza della campagna elettorale ormai agli sgoccioli, tra l’altro, “prima i partiti si giocavano l’asso vincente negli ultimi giorni. Adesso gli assi sono diventati mille, hanno perso valore”; un errore strategico rilevante se si considera, venendo agli indecisi, che “nel 2013 il 7% scelse tra il sabato e la domenica e il 5% addirittura cambiò idea in cabina elettorale”. Le ultime battute della campagna restano comunque cruciali secondo Fabrizio Masia di EMG: “sono ancora tanti gli indecisi e nei collegi uninominali uno spostamento verso l’alto o il basso di 2-3 punti percentuali può cambiare totalmente la partita, soprattutto al sud”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: