pubblicato: lunedì, 12 marzo, 2018

articolo scritto da:

Rottamazione cartelle bis non basta, il condono fiscale è alle porte?

Rottamazione cartelle bis non basta il condono fiscale è alle porte

Rottamazione cartelle bis non basta, il condono fiscale è alle porte?

Le cartelle esattoriali sono un tema dolente per moltissimi italiani. Un livello di tassazione più alto della media di molti altri Paesi, la diffusa difficoltà a far fronte alle tasse si trasforma in un problema che affligge milioni di italiani.

Rottamazione cartelle bis, tema politico

L’argomento entra di diritto nella discussione politica ed è stato anche uno degli argomenti dell’ultima campagna elettorale. Il centrodestra è a favore del condono fiscale. La formazione di un prossimo governo guidato dal centrodestra potrebbe portare quindi ad un’azione a cui molti italiani sarebbero direttamente interessati.

Rottamazione cartelle bis, riscuotere crediti

La difficoltà principale per lo Stato risiede nella esigibilità dei crediti. Per un motivo semplice: lo Stato vanta crediti nei confronti di oltre 20 milioni di italiani per un totale che supera i 1.000 miliardi. Una parte di questi crediti non è tuttavia incassabile. Perché i debiti riguardano persone nullatenenti o contro i quali alcuna riscossione forzosa avrebbe effetto. Perciò il Governo ha proposto la rottamazione delle cartelle nel 2017, misura riproposta quest’anno.

Rottamazione cartelle bis, come funziona?

Rottamazione cartelle bis: di cosa si tratta? Della possibilità sanare debiti col fisco in maniera agevolata. La rottamazione consiste in uno sconto su sanzioni e su alcuni interessi per cui sono lievitati gli importi che famiglie e aziende morose hanno nei confronti degli Enti Pubblici e che sono diventate cartelle della riscossione. Uno sconto, con la rottamazione delle cartelle, che a volte abbatte anche del 50% gli importi dovuti.

Elezioni politiche 2018: accise sulla benzina, Salvini ‘le cancelleremo subito’

Da rottamazione cartelle bis a condono fiscale in arrivo?

Perché molti comunque non hanno aderito alla rottamazione delle cartelle? Perché tempi e rate entro cui sanare il debito sono ritenuti troppo brevi. Per rottamazione bis si intende il prolungamento della precedente. Il centrodestra potrebbe quindi spingersi oltre e proporre il condono fiscale. Una sanatoria per azzerare i debiti per coloro che sono sinora riusciti ad azzerare i loro debiti. L’ipotesi parla di una riduzione al 10% del totale. Cioè, ad esempio, un pagamento di 1.000 euro a fronte di un debito di 10.000 euro. Con un tetto massimo fissato a 200.000 euro.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Maestro unico

articolo scritto da: