• 52
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: martedì, 13 marzo, 2018

articolo scritto da:

Elezioni politiche 2018: voto anticipato e vittoria Lega per Galli Della Loggia

elezioni politiche 2018

Elezioni politiche 2018: voto anticipato e vittoria Lega per Galli Della Loggia

Il 4 marzo ha segnato una svolta epocale; a sottoscriverlo anche il noto editorialista del CorSera Ernesto Galli della Loggia intervistato da Libero. Con la vittoria di M5S e Lega “siamo entrati nella Terza Repubblica”; infatti, il risultato delle ultime politiche rappresenta “una rottura ancora più forte di quella avvenuta nel ’94; quando destra e sinistra conservavano ancora importanti pezzi di Dc e Pci”.

Cosa ha determinato il trionfo di Salvini e Di Maio?

Innanzitutto, la bravura dei due leader in campagna elettorale: “sanno usare i social media e hanno la capacità di comunicare alla massa dell’opinione pubblica con messaggi basici ed elementari”. Quindi, la capacità di comprendere le priorità dell’elettorato. In sostanza, i pentastellati sono riusciti a intercettare il consenso di coloro che chiedono “aiuto pubblico e miglioramento delle condizioni del Sud”; i leghisti, eliminato l’accento sulla secessione, hanno colto il malessere di chi “non vuole sentire il peso dello stato tranne che per la sicurezza”. Ancora meglio: “l’ elettore grillino cerca uguaglianza sociale, lotta ai privilegi e un importante intervento dello Stato per aiutare le fasce deboli a uscire dalla povertà. Quello leghista chiede meno tasse, meno immigrati, meno Europa, meno burocrazia e più sicurezza”.

Elezioni politiche 2018: voto anticipato e vittoria Lega per Galli Della Loggia

Cosa succede adesso? 

In parole povere “siamo all’impasse” commenta Galli della Loggia. A Movimento e Carroccio non conviene governare insieme: “darebbero vita a una maggioranza dilaniata dai contrasti e farebbero una pessima figura”. Poi al Pd non conviene governare con i 5 stelle: “diventare soci di minoranza di un governo a guida M5S significherebbe essere fagocitati”. Asse Pd-Lega allora? “Impossibile. Ormai il centrodestra è in mano a Salvini, che è incompatibile con il Pd e con il suo elettorato”. L’unico a cui conviene allearsi per formare un governo è Berlusconi che, tuttavia, “non ha numeri decisivi”.

Dunque, “prevedo un ritorno alle urne in tempi brevi” conclude Galli della Loggia che si lancia anche in un pronostico: “si rivoterà con questa legge; il Pd calerà ancora, diciamo all’ ingrosso il 12- 15%; due voti su tre di quelli che perderà andranno a M5S, che salirà dal 32 al 37%. La Lega ruberà altri voti a Forza Italia; il centrodestra passerà dal 37 al 42% e Salvini andrà al governo senza bisogno di nessuno”.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: