pubblicato: mercoledì, 14 marzo, 2018

articolo scritto da:

Elezioni politiche 2018: Governo Lega-M5S, Salvini apre, Di Maio nega accordi

elezioni politiche

Elezioni politiche 2018: Governo Lega-M5S, Salvini apre, Di Maio nega accordi

“Tutti mi hanno chiesto cosa cosa succede in Italia è la mia risposta è stata quella ovvia: non so”. Così Pier Carlo Padoan, al termine della riunione dell’Ecofin, ha riassunto le difficoltà dell’attuale quadro politico italiano. In realtà, nonostante i tentennamenti e le incertezze dei partiti, i possibili scenari sono noti. Uno di questi vede proprio il Partito Democratico di Padoan a sostegno di un governo del Movimento 5 Stelle.

Tuttavia, anche se dell’ipotesi si parla e si continuerà a parlare, dopo le parole del Ministro dell’Economia  l’intesa sembra più lontana; Padoan “avvelena i pozzi” ha, infatti, ribattuto Luigi Di Maio. Tra l’altro, sembra chiudere al dialogo anche il “traghettatore” del Pd, l’ ormai ex ministro Maurizio Martina, a cui non è piaciuto il commento del candidato premier pentastellato; “Di Maio dovrebbe accorgersi che il tempo della propaganda è finito”.

Elezioni politiche 2018: Governo Lega-M5S, Salvini apre, Di Maio nega accordi

Allora ecco che, mentre si raffredda la pista che porta all’asse tra pentastellati e Dem, si riscalda quella della convergenza tra 5 stelle e Lega. Antefatto. Nel corso di un incontro a Palazzo Grazioli, Berlusconi e Giorgia Meloni hanno dato mandato a Matteo Salvini per condurre le negoziazioni per l’elezione dei presidenti delle Camere con Pd e Movimento. Nello stesso incontro i leader della coalizione hanno escluso qualsiasi accordo con il Pd; anche qui, però, gli alleati della Lega farebbero bene a guardarsi le spalle.

In pratica, il Centrodestra è tutto tranne che compatto. Infatti, la tensione starebbe crescendo in fretta, soprattutto, tra i forzisti; le trattative tra 5 stelle e Carroccio, infatti, sarebbero già cominciate sulla base di abolizione della Fornero, reddito di cittadinanza (allo studio una versione “light”) e rafforzamento delle autonomie regionali. Nel frattempo, Salvini continua a strizzare l’occhio a Di Maio in pubblico – anche se entrambi continuano a negare l’evidenza – e fa sedere al tavolo delle trattative “il pontiere” Giancarlo Giorgetti.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

La mano scorticata

articolo scritto da: