pubblicato: mercoledì, 14 Mar, 2018

articolo scritto da:

Sondaggi elettorali SWG: l’asse sinistra/destra è superato per 2 italiani su 3

Elezioni politiche 2018: sondaggi M5S, calo senza Grillo? Sondaggi elettorali

Sondaggi elettorali SWG: l’asse sinistra/destra è superato per 2 italiani su 3

Continua la carrellata di sondaggi di carattere politico-elettorale di SWG. In questo sondaggio, l’istituto demoscopico che collabora con La7 – avendo sostituto EMG di Masia – pone l’accento sulle categoria di destra e sinistra. Un asse che è stato storicamente valido per incasellare i partiti.

 

L’asse sinistra/destra ha sicuramente funzionato con dovizia fino ai tempi in cui la società si divideva secondo le fratture descritte da Stein Rokkan, nei primi anni sessanta. La divisione, netta, tra Capitale e Lavoro; tra centro urbano e zone rurali; tra Laicità e Religione; Centro economico e Periferia economica. Elementi che fratturavano la società in una serie di settori (o segmenti) ai quali corrispondeva la rappresentanza di un determinato partito.

Sondaggi elettorali SWG: i primi cedimenti dell’asse sinistra/destra

Con il capitalismo maturo e l’auge della finanza sull’industria, le vecchie fratture di Rokkan si sono ridotte: non più frange inconciliabili. Non più un numero esiguo di segmenti ben definiti, ma molti e “sfumati”. In questo terreno, i partiti diventano dei catch’all, superando la fase del partito di massa.

La rivoluzione del digitale e la crescente spoliticizzazione hanno favorito l’ingresso in scena di altri attori politici sui generis, nati sotto la stella della crisi economica del 2008 e che hanno posto l’accento su elementi non canonici, quali l’antipolitica, l’antipartitismo e il populismo. Sebbene questi elementi fossero già presenti nei sistemi politici, la crisi e l’avvento dei nuovi partiti ha accresciuto l’importanza di questi elementi, al punto da eclissare le fratture tradizionali dettate dall’asse sinistra/destra.

Sondaggi elettorali SWG: per 2 elettori su 3, è categoria superata

Secondo il sondaggio di SWG, una gran parte degli italiani è d’accordo con chi sostiene che…

“le divisioni destra e sinistra non hanno più senso, poiché il mondo e la politica si organizzano in base ad altre categorie (economiche, ambientali, diritti civili…).

Sul totale del campione, il 63% si trova d’accordo. Una percentuale decisamente superiore (quasi il triplo) rispetto a chi non si rispecchia nelle nuove, molteplici dicotomie (22%). Infine, un 15% non sa o evita di rispondere.

Sondaggi elettorali SWG: per elettori 5S c’è ampio consenso sul superamento del’asse sinistra/destra

Come facilmente presumibile, sono i pentastellati coloro che definiscono obsolete le categorie di destra e sinistra. Il 78% di questo si ritrova nell’affermazione sottoposta da SWG. Percentuale molto al di sopra della media del campione.

elezioni politiche 2018: come si inverte il rapporto tra populisti e riformisti

C’è consenso – anche se non così ampio – anche per gli elettori degli altri 3 principali partiti italiani. Nell’ordine: Lega (63%), Forza Italia (61%) e Partito Democratico (59%).

Infine, gli astenuti sono coloro che evitano di esporsi: ben 1 astenuto su 4 non sa o non risponde. Tuttavia, la percentuale di chi è d’accordo con l’affermazione proposta è decisamente più alta rispetto a chi, invece, crede ancora nelle canoniche fratture di destra e sinistra.
Sondaggi elettorali ideologia sinistra destra

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: