•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 7 maggio, 2018

articolo scritto da:

Rottamazione cartelle esattoriali 2018: quando non bisogna pagare

Rottamazione cartelle esattoriali 2018: quando non bisogna pagare

Rottamazione cartelle esattoriali 2018: quando non bisogna pagare.

La rottamazione cartelle esattoriali 2018 diventa sempre più un argomento attuale vista la scadenza per le adesioni prevista a breve. Sul sito dell’Agenzia delle Entrate si informa che l’adesione alla Definizione Agevolata si effettua online tramite apposito modulo di domanda Fai D.A. Te. Il termine ultimo? Entro martedì 15 maggio 2018. Questo regime riguarda la rottamazione delle cartelle relativa alle somme affidate all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 settembre 2017.

Inoltre si precisa che chi aderirà alla rottamazione pagherà l’importo residuo delle somme dovute; senza però corrispondere sanzioni né interessi di mora. Per quanto riguarda le multe stradali, non si pagheranno interessi di mora né le maggiorazioni previste dalla legge vigente. In merito alla rottamazione cartelle esattoriali, urgono anche alcuni approfondimenti e chiarimenti su determinate questioni. Ad esempio, quando non bisogna pagare?

Rottamazione cartelle esattoriali 2018: quando non bisogna pagare

Sulle cartelle esattoriali si è pronunciata la VI Sezione Tributaria della Suprema Corte di Cassazione, con l’ordinanza 10481 del 3 maggio 2018. Questo è quanto riporta Rando Gurrieri & Partners. “Una cartella esattoriale che non contiene al suo interno, o comunque in allegato, lo schema di calcolo degli interessi sull’ammontare del debito tributario è insanabilmente nulla”. Perché? Semplicemente perché non permette al contribuente di verificare la legittimità dell’ammontare della pretesa d’imposta. E risulta così “lesiva di ogni basilare diritto di difesa”. Per lo studio legale si tratta di un “precedente giurisprudenziale di primaria importanza”.

Rottamazione cartelle esattoriali: scadenza quarta rata a luglio.

Il riferimento è comunque alle sentenze n. 8651/2009 e n. 15554/2017 della Corte di Cassazione, nelle quali si evince quanto segue. “In tema di riscossione delle imposte sul reddito, la cartella di pagamento degli interessi maturati su un debito tributario deve essere motivata; dal momento che il contribuente deve essere messo in condizione di verificare la correttezza del calcolo degli interessi”.

In conclusione, e sintetizzando, i contribuenti che riceveranno una cartella esattoriale senza lo schema di calcolo degli interessi sull’ammontare del debito tributario, non saranno obbligati a pagarla. Vista la giurisprudenza in merito, infatti, la cartella esattoriale risulterà nulla.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: