•  
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: lunedì, 2 luglio, 2018

articolo scritto da:

Giffoni Film Festival: tuttto pronto per la 48esima edizione. Ecco i primi dettagli

Giffoni film festival

Giffoni Film Festival: tuttto pronto per la 48esima edizione. Ecco i primi dettagli

Un piccolo omaggio ad uno dei più importanti Festival italiani che con la sua unicità ha conquistato un piccolo ruolo nel panorama mondiale.

Il mondo del cinema da anni ormai è dominato da festival cinematografici di risonanza mondiale. Leone di Venezia, David di Donatello, Festival di Cannes e come non citare i Premi Oscar ed i Golden Globe, etc.. I premi consegnati sono tra i più ambiti da registi, attori e da tutti coloro che nell’ombra lavorano per la buona riuscita delle pellicole. Le modalità di assegnazione, inoltre, sono le stesse: giurie di esperti che si ritrovano, visualizzano la pellicola e votano la migliore.

Eppure, in Italia, patria della democrazia partecipativa, un festival cinematografico dal 1971 in provincia di Salerno stravolge i dettami stabiliti dai Big: il Giffoni Experience.

La dimensione peculiare del Giffoni Film Festival

Il Giffoni Film Festival è riuscito a ritagliarsi uno spazio tutto suo nel vasto panorama delle rassegne cinematografiche grazie ai suoi particolari metodi di selezione delle pellicole, della giuria e grazie al modo in cui è riuscito a cambiare le relazioni che intercorrono tra il pubblico e gli interpreti, registi e attori dei vari film in lizza per il premio.

Un lungo articolo riguardo alla storia del Giffoni Experience sarebbe impossibile da proporre per via della sua durevole vita. Tuttavia, in una situazione politica complessa come quella italiana il Festival si va a posizionare come una ciliegina sulla torta. Difatti, la pseudo-democrazia partecipativa voluta ed omaggiata da un gruppo politico italiano al Giffoni Film Festival prende vita.

In effetti, la giuria della rassegna è composta da bambini, ragazzi italiani e stranieri posizionati in diverse sezioni per fasce d’età.  Le giurie non solo hanno il dovere di visionare le pellicole ma possono anche intervistare, interessarsi e parlare direttamente con i creatori dei film in concorso.

Il Giffoni Film Festival non è solo una rassegna per giovani e giovanissimi

I film, al contrario di quello che si possa immaginare, non sono soltanto d’animazione o specifici per ragazzi o bambini ma trattano temi complessi e delicati. Un esempio potrebbe essere il famoso film “Io prima di te”, pellicola del 2016, diretta da Thea Sharrock con Emilia Clarke e Sam Claflin. Lo stesso Sam Claflin si presentò a Giffoni Valle Piana per presentare il suo film. E persino quest’anno sarà nuovamente presente al fine di mostrare la nuova pellicola in cui recita: ”Resta con me”, un film drammatico/sentimentale riguardante un viaggio in barca di una coppia che dovrà affrontare un uragano nel mezzo dell’Oceano Pacifico.

Giffoni Film Festival: un’esperienza non solo cinematografica

Inoltre nel tempo il Festival si è evoluto spalancando le sue porte alla musica ufficializzando così la creazione del Giffoni Music Concept in cui saranno presenti grandi artisti italiani come Max Gazzè, Fabrizio Moro, Ermal Meta e tante altre voci molto note nel variegato mondo musicale italiano.

La 48° edizione del Giffoni Film Festival prevede 99 film in concorso provenienti da tutto il mondo divisi in lungometraggi e cortometraggi e di ogni genere cinematografico.

Riflessioni cinematografiche: Cosa è giusto o sbagliato sull’ Orient Express?

Il tema di questo Giffoni Film Festival

Il tema proposto quest’anno dagli organizzatori è AQUA. Il contenuto scelto è un argomento molto delicato non solo perché come il sito del Giffoni Experience recita:” L’Acqua è vita” ma soprattutto perché l’acqua come può donare l’esistenza può anche riappropriarsene, e questo vale sia per le persone che per il  nostro pianeta.

Il tema si allinea perfettamente con il film-inchiesta “Un oceano di plastica” uscito quest’anno al fine di sensibilizzare la popolazione mondiale riguardo alla quantità di plastica negli oceani ed anche con il documentario “Un mare da salvare”. Questa scelta, pertanto, dimostra come il Giffoni Experience sia attivo a livello internazionale e sia attento alle dinamiche mondiali soprattutto grazie al Giffoni Voyager il quale è dedicato all’esportazione del marchio e del format in Italia e in altri Paesi, come: Macedonia, Brasile, Albania e Georgia e Qatar.

Tra il 20 ed il 28 luglio 2018, quindi, nel piccolo paese di Giffoni Valle Piana il clima che si respirerà sarà internazionale.

Le numerose presenze che ogni anno vengono registrate rendono il Giffoni Experience uno dei più importanti Festival cinematografici d’Italia e su cui il nostro Paese dovrebbe puntare i proprio riflettori grazie alla sua unicità e particolarità.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: