articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

Permessi legge 104 e part-time, quando spetta. I casi sconosciuti

Permessi Legge 104 e part-time: quando spetta

Permessi legge 104 e part-time, quando spetta. I casi sconosciuti.

Permessi part-time legge 104, casi meno comuni


Chi usufruisce dei permessi Legge 104 ha la possibilità anche di farsi trasformare il contratto di lavoro, convertendolo da full time a part-time. Questa conversione può avvenire in alcuni casi particolari, che impediscono al datore di lavoro di opporsi. Ciò che invece è consentito è l’accordo tra le parti (datore di lavoro e lavoratore) nella rimodulazione dell’orario lavorativo, in base alle esigenze aziendali, professionali e private. Sempre in alcuni casi particolari, la trasformazione del contratto da full time a part-time ha priorità rispetto ad altri soggetti che non dispongono dei requisiti necessari per avere la precedenza.

Pensione anticipata e 104/92: requisiti e come uscire dal lavoro.

Permessi Legge 104 e part-time: ecco quando spetta

Il Jobs Act ha introdotto delle novità riguardanti i diritti dei fruitori della Legge 104. Più nello specifico, i soggetti che usufruiscono di tali agevolazioni 104 hanno avuto diritto alla priorità per la conversione del contratto da tempo pieno a tempo parziale. Questo passaggio è riservato in particolare ai lavoratori affetti da patologie oncologiche o da gravi patologie cronico-degenerative ingravescenti, che hanno una ridotta capacità lavorativa certificata dalla commissione medica dell’ASL.

Allo stesso tempo, qualora le patologie sopra riportate colpiscano coniuge, figli o genitori del soggetto, vale ugualmente la conversione prioritaria del contratto da tempo pieno a tempo parziale. L’altro caso riguarda i soggetti che assistono e convivono con un familiare affetto da disabilità grave, che rispondano dunque all’art. 3, comma 3 della Legge 104. La priorità è riconosciuta anche ai lavoratori dipendenti che convivono con figli under 13 o portatori di handicap rispondenti all’art. 3 della Legge 104. Tale agevolazione riguarda i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato.

In ogni caso l’accordo dovrà avvenire tramite modalità scritta e accordo tra datore di lavoro e lavoratore.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: venerdì, 24 Agosto 2018