pubblicato: giovedì, 6 Settembre, 2018

articolo scritto da:

Vuelta 2018: bis da favola di Viviani!

Vuelta 2018

Vuelta 2018: bis da favola di Viviani!

Quest’anno Elia Viviani in volata non si batte: il veronese della Quick-Step Floors alla Vuelta fa il bis a Fermoselle e raggiunge quota 17 vittorie (tra cui anche 4 tappe al Giro d’Italia) nel 2018, nessuno come lui quest’anno. Ancora una volta battuto il tre volte campione del mondo Peter Sagan, secondo al traguardo.

Vuelta 2018: i segreti di Viviani

Quest’anno davvero il veronese sembra inesauribile: neanche i migliori sprinter del mondo riescono a placare la sua fame di vittorie. Ma quali sono i segreti dell’esplosione così fragorosa del campione olimpico di Rio 2016?

Primo fra tutti il cambio di team avvenuto quest’anno: fino all’anno scorso il “profeta” correva nel Team Sky, squadra fortissima ma che concentra tutte le proprie energie nella conquista delle grandi corse a tappe. Perciò Viviani, velocista e cacciatore di tappe, non è mai stato al centro del progetto del team di Dave Brailsford. Ma nonostante ciò Viviani le proprie doti le aveva fatte vedere a tutti. Così la Quick Step, la cui “filosofia” di corsa è invece quella di cercare di vincere tappe singole e corse di un giorno, ha voluto puntare su di lui, e Elia non li ha delusi!

Mondiali ciclismo 2018: calendario, gare e orari diretta TV

Vuelta 2018: i meccanismi perfetti della Quick-Step Floors

Certo Viviani è quello che beneficia del lavoro della sua squadra e giustamente si prende i riflettori, ma va detto che il suo team fa un lavoro eccezionale per metterlo nella condizione di vincere le volate. Michael Morkov, Zdenek Stybar e l’esperto Fabio Sabatini sono tra gli artefici più importanti delle vittorie del Veneto. Il treno della sua squadra lo lancia nelle ultime centinaia di metri a velocità altissime verso la vittoria. Un lavoro perfetto che permette ai velocisti del team belga di vincere decine di corse. Non a caso la squadra di Viviani è quella che ha vinto di più nel 2018, con più di 50 successi.

Vuelta 2018: gli obiettivi futuri del profeta

In una recente intervista, il Veronese ha affermato di voler rimanere al top per altri 3-4 anni. Probabilmente l’anno prossimo andrà al Tour de France, unico grande Giro dove non ha ancora vinto tappe. Anche una corsa come la Milano-Sanremo, la classica più ambita dai velocisti, è alla sua portata. Se poi uno dei prossimi Mondiali o prove olimpiche in linea sarà per ruote veloci, Viviani si farà senza dubbio trovare pronto.

SEGUI IL TERMOMETRO SPORTIVO ANCHE SU FACEBOOK, TWITTER E TELEGRAM

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: