[TheChamp-Sharing]
[TheChamp-Sharing count="1"]

pubblicato: venerdì, 21 settembre, 2018

articolo scritto da:

Diritto di recesso nel codice civile e di consumo. Come richiederlo

diritto di recesso

Diritto di recesso nel codice civile e di consumo. Come richiederlo

La realtà delle transazioni commerciali, con l’avvento di internet, è diventata sempre più virtuale. Pertanto, un tema come quello del diritto di recesso è diventato ormai sempre più popolare. Di seguito cos’è il diritto di recesso e come esercitarlo nelle forme consentite dall’ordinamento giuridico.

Diritto di recesso: cos’è e a cosa serve

Il diritto di recesso, anche detto “di ripensamento”; è la possibilità data al consumatore – parte debole a livello contrattuale – di decidere, in modo unilaterale, di rompere il legame contrattuale con il venditore; ottenendo così la restituzione del prezzo o revocando l’ordine effettuato.

Tale istituto del diritto civile è regolato oggi dall’impianto normativo costituito dalle norme specifiche contenute nel Codice Civile e nel Codice del Consumo. Queste hanno la finalità di tutelare il consumatore; soprattutto, a fronte di tecniche di vendita spesso oggettivamente aggressive.

Questo tipo di diritto ha però delle limitazioni; infatti, il legislatore ha previsto che il consumatore può esercitarlo solo in caso di compravendita di beni e servizi a distanza o fuori dai locali commerciali. Nel caso in cui, invece, la transazione sia conclusa in negozio o altro locale commerciale del professionista, il diritto di recesso non è consentito; salvo che il venditore lo ammetta.

Chi può esercitare il diritto di recesso

Nello specifico, il diritto di recesso spetta al mero consumatore finale; è irrinunciabile e non assoggettabile a penali o limitazioni. Il consumatore non è tenuto a fornire spiegazioni al professionista circa i motivi della rottura del patto contrattuale. Ciò significa che in questo campo il concetto di giusta causa non è applicabile.

Tuttavia, nel caso in cui la parte debole del contratto effettuasse la transazione commerciale con partita IVA, verrebbe considerato cliente professionista e non consumatore finale; quindi, non assoggettato alla disciplina favorevole del diritto di recesso.

Le modalità di esercizio e i tempi del diritto di recesso

Il consumatore può recedere, senza obbligo di fornire alcuna motivazione, dando una comunicazione scritta al venditore con raccomandata con avviso di ricevimento; questa poi dovrà pervenire entro dieci giorni lavorativi dalla data di stipula del contratto – in caso di fornitura di servizi – o di consegna del prodotto – in caso di beni.

Nel caso in cui il professionista non abbia fornito idonee informazioni sul diritto di recesso o queste siano incomplete o errate, il termine è calcolato dal momento in cui il consumatore riceve tali notizie. Inoltre, in questa ipotesi, il termine è prorogato a sessanta giorni per contratti negoziati fuori dai locali commerciali; a novanta giorni per contratti a distanza.

Conseguenze del diritto di recesso

Dunque, è chiaro che il consumatore avrà diritto anche alla restituzione della cifra pagata al professionista – al netto però delle spese di consegna e rispedizione che gravano sempre sulla parte debole – soltanto quando il venditore avrà controllato la merce e verificato l’integrità e la corrispondenza a quanto venduto. Quest’ultimo poi sarà tenuto al rimborso (sempre gratuito) del prezzo entro trenta giorni dal ricevimento della comunicazione di recesso.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: