pubblicato: venerdì, 28 Set, 2018

articolo scritto da:

Occupazione giovanile, le mappe sulla situazione in Europa

occupazione giovanile

Occupazione giovanile, le mappe sulla situazione in Europa

È un problema mediterraneo  quanto pare quello dell’occupazione giovanile. È evidente anche dalle mappe realizzate da Jodi.graphics, che illustrano la differenza nel tasso di occupazione di coloro che negli ultimi tre anni si sono diplomati o laureati

Che è enorme. In Germania, Paesi Bassi, Islanda, Malta, Repubblica Ceca questo è superiore al 90%. Di fatto tutti coloro che finiscono di studiare lavorano subito.

All’estremo opposto Grecia e Macedonia, con meno del 50%.

L’Italia è anch’essa in fondo alla classifica con un 53,6%

In mezzo gran parte degli altri Paesi dove la percentuale va dal 70% al 90%. Anche in Spagna, con il 70,7%, una percentuale molto alta per un Paese che è uscito da una crisi peggiore della nostra, nonchè in Portogallo, con il 79%

occupazione giovanile

 

La mappa per regioni rende più visibile la concentrazione del lavoro per i giovani, a prescindere dalla data di fine degli studi, che è molto più presente nell’Europa centrale, nelle regioni della Germania meridionale, dell’Austria, della Repubblica Ceca, dei Paesi Bassi, della Svezia e della Norvegia. Si noti come anche l’Italia del Nord non riesca a distinguersi molto da quella del Sud, cui è più vicina di quanto lo sia all’Europa centrale.

occupazione giovanile

Occupazione giovanile, cosa è cambiato dal 2010

Tra 2010 e 2017, data cui si riferiscono i dati attuali, molte cose sono cambiate. Sono stati gli anni della crisi in molti Paesi, in primis in Italia, e della ripresa, che però non ha influito allo stesso modo ovunque.

È a Est che l’occupazione è salita di più, in particolare nei Paesi Baltici, dove è cresciuta del 18,6%. Segue la Lettonia e la Slovacchia, entrambe con aumenti superiori al 10%. E poi Irlanda, Lituania, Ungheria. Sono Paesi che nel 2009-2010 avevano vissuto una crisi pesantissima ma repentina, e da cui si sono ripresi molto in fretta.

Al contrario dell’Italia, che è tra i Paesi in cui il livello di quest’occupazione è ancora minore rispetto al 2010 del 2,2%. In una situazione simile anche Francia Belgio, Paesi Bassi, ma naturalmente su valori molto maggiori.

Peggio che a tutti è andata a Cipro e Grecia, dove il crollo del tasso d’occupazione è stato superiore all’8%.

Insomma, una ulteriore conferma del fatto che il baricentro dell’economia e dell’occupazione del futuro si sposta in Europa a Nord e a Est. Unica eccezione, anche qui, la Spagna, la cui ripresa è stata così incisiva da permettere un recupero anche occupazionale già nel 2017.

 

occupazione giovanile

occupazione giovanile

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: