• 11
  •  
  •  
  •  
  •  

pubblicato: sabato, 13 ottobre, 2018

articolo scritto da:

Laurea abilitante in Medicina: dove studiare all’estero

laurea magistrale

Laurea abilitante in Medicina: dove studiare all’estero

Laurea estera abilitante, quando vale in Italia


Sono tanti gli studenti che provano a sostenere il test per laurea abilitante in medicina. Però, sono davvero pochi i riscontri positivi. Dati alla mano, solo uno su sette supera lo sbarramento di accesso al primo anno. Il test d’ingresso per medicina è uno dei più selettivi in Europa e costringe molti studenti a rimanerne fuori. I molti esclusi allora hanno soltanto due opportunità; iscriversi ad un’altra facoltà scientifica che permetta di convalidare alcuni esami e ritentare il test l’anno successivo. Per chi non ha voglia di perdere un anno, l’opzione migliore si chiama estero.

Laurea abilitante: dove studiare medicina all’estero

Come accennato, pur di non perdere un anno e senza avere la certezza che il prossimo test verrà superato, tra i tanti esclusi molti preparano valigia e progetti e partono per l’estero. In alcuni paesi l’accesso risulta più agevole e si ha l’opportunità non solo di studiare in un’altra lingua (in alcuni casi anche nella propria) ma anche di approcciarsi con culture differenti. A volte partire e studiare fuori dal paese è un piano B ma si rivela un’opzione più che valida per il proprio futuro. Inoltre in molti paesi, come Repubblica Ceca, Spagna e Slovacchia, la laurea in medicina e Odontoiatria è abilitante anche in Italia. Quindi, al termine del percorso di studi lo studente può iscriversi direttamente all’Albo dei medici locale.

Tra le mete più ambite per studiare medicina all’estero, c’è la Spagna. Nei pressi di Madrid, si trova la Universidad Europea, ateneo spagnolo costosissimo seppur valido. Nonostante ciò, sono tantissimi i giovani italiani che vi si trasferiscono per studiare. I costi arrivano a toccare i 25000 euro annui. Fino allo scorso anno il test comprendeva solamente una verifica della conoscenza di inglese, con livello B1. Attualmente, il test comprende una prova psicoattitudinale. A differenza dei corsi di studi italiani, negli ultimi 2 anni, l’aspirante medico può fare pratica sui pazienti, con la supervisione dell’insegnante. Altra meta d’arrivo è la Francia, qui c’è la facoltà di Sophia-Antipolis, a Nizza. Per accedere alla facoltà di medicina è necessario presentare il cv scolastico, una lettera motivazionale e sostenere un colloquio. In più è necessario un buon livello di lingua, almeno un B2 del DELF.

Ti potrebbe interessare anche: Isee universitario 2018 Inps: calcolo e documenti necessari, come farlo

Laurea abilitante: altre mete per medicina

Una delle opzioni, più gettonate, per gli aspiranti medici e odontoiatri, è l’Albania. Qui si trova l’università Nostra Signora del Buon Consiglio, ateneo privato della capitale albanese che collabora, a seconda dei corsi di laurea, con tre atenei italiani: Roma, Bari e Firenze. Nel caso di Medicina la collaborazione con il secondo ateneo romano è strettissima; il piano di studi e i docenti sono gli stessi e la laurea che si ottiene è congiunta, valida sia in Italia che in Albania e riconosciuta nei paesi UE. Un altro vantaggio per gli studenti è che il test d’ingresso è più semplice di quello italiano. Comprende quesiti a risposta multipla in biologia, chimica, fisica e matematica e soprattutto tiene conto del voto del diploma di scuola secondaria, che vale fino a 30 punti su 90. Il costo per i cittadini stranieri è di 8000 euro all’anno. Altra meta importante è la Bulgaria. Nella capitale, Sofia, ci sono due diverse facoltà: una è la San Clemente di Ocrida e l’altra Medical University. I corsi si svolgono in inglese e l’università costa circa 8000 euro. I test di ingresso riguardano solamente l’inglese, la biologia e la chimica.

Infine c’è la Romania, destinazione molto valida per chi vuole fare odontoiatria. Qui si trova la Victor Babes di Timisoara. Si tratta di un’università pubblica che costa 5000 euro per medicina e 6000 per odontoiatria. La Romania è l’unico paese europeo che permette, dal secondo anno, di lavorare sul paziente con manovre odontoiatriche sotto la supervisione vigile di un professore. Si possono scegliere anche la Vasile Goldis di Arad, università privata che ogni anno apre le porte agli studenti europei e non per due volte: a Luglio e a Settembre. Nella capitale invece, si trova l’università statale di Bucarest che però non è molto economica; le tassi si aggirano tra i 5000 e i 6000 euro.

Ti potrebbe interessare anche: Laurea magistrale: significato, anni e durata. La guida di TP

Laurea abilitante in medicina: numeri alla mano

Numeri alla mano, la Fnomceo (Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri) mostra che la percentuale degli odontoiatri con laurea conseguita all’estero iscritto all’Albo nel 2017 è di circa il 40%. Quindi, secondo i dati rilevati dal Fnomceo sono 401565 gli iscritti all’albo dei medici (dei quali 1733 donne e 1615 uomini con laurea conseguita all’estero) e 61593 odontoiatri (di cui,1252 donne e 1940 uomini con laurea estera). Numeri importanti che mostrano come molti studenti trovino nella loro “opzione B” la soluzione migliore per studiare e ricevere l’abilitazione.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

 

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Speciale Pensioni

pensioni novita precoci

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Solidarietà al popolo ungherese

articolo scritto da: