pubblicato: sabato, 15 Dicembre, 2018

articolo scritto da:

Aumento pensioni 2018-2019: sociale e familiari a carico, le maggiorazioni

aumento pensioni

Aumento pensioni 2018-2019: sociale e familiari a carico, le maggiorazioni

Maggiorazioni assegni familiari a carico


Aumento pensioni 2018-2019: sociale e familiari a carico, le maggiorazioni

Maggiorazione pensione sociale, quanto spetta

Le maggiorazioni sulla pensione, in generale, sono uno strumento di sostegno previsto per chi non raggiunge determinate soglie di reddito. È il caso, innanzitutto, della maggiorazione sociale. Quest’ ultima è indirizzata ai pensionati – minimo 60 anni – di tutti i tipi, cioè, per esempio, a chi ha usufruito della pensione di vecchiaia o di invalidità così come ai superstiti dei lavoratori dipendenti, ma anche ai pensionati da lavoro autonomo iscritti a una gestione speciale.

Nel 2018, per chi ha dai 60 ai 64 anni, equivale a poco meno di 26 euro in più al mese; per chi ha tra i 65 e i 69, invece, arriva a sfiorare gli 83 euro al mese. Per poterla richiedere il reddito di un pensionato non sposato non deve essere superiore alla somma del trattamento minimo e della maggiorazione ipotizzata; in caso di pensionati sposati il reddito (tutti quelli assoggettati alla tassazione Irpef) – cumulato con quello del coniuge (a parte i casi di separazione) – non deve superare la somma di trattamento minimo più maggiorazione più importo annuo dell’ assegno sociale.

Aumento pensioni: l’ incremento al milione

Cosa prevede la legge per chi ha più di 70 anni? Dal 2002 il nostro sistema previdenziale garantisce a chi raggiunge i 70 anni l’ incremento al milione di lire; in pratica, viene garantita la possibilità di avere poco più di 516 euro (equivalente, appunto, a un milione di lire) per 13 mensilità a titolo di integrazione. Tale cifra ha subito, però, diversi aggiornamenti in base all’ aumento del costo della vita: ad oggi è arrivata a quota 643 euro circa.

Tuttavia, bisogna precisare che l’ eta minima per aver diritto all’ incremento al milione scende di un anno ogni 5 anni di contributi o frazioni pari o superiori a 2 anni e mezzo fino al limite di 65 anni. Può essere corrisposto a inabili e invalidi anche con età pari o superiore a 60 anni. Poi, per quanto riguarda le soglie di reddito, il pensionato single non deve superare gli 8.370 annui, quello coniugato i 14.259 euro (calcolo in cumulo con quello del coniuge). Inoltre, se si hanno dei figli a carico, a seconda del numero di componenti e dal loro reddito è possibile richiedere anche l’ assegno familiare.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: