pubblicato: mercoledì, 14 novembre, 2018

articolo scritto da:

Personale Ata 2018: orario di lavoro e pausa, cosa è concesso

Personale Ata

Personale Ata 2018: orario di lavoro e pausa, cosa è concesso

Orario personale Ata: tutte le pause permesse


Di quante pause può usufruire un membro del Personale Ata? C’è differenza tra lavoratori della stessa categoria, cioè, per esempio, tra il numero di ore a disposizione di un assistente amministrativo e quello a disposizione di un collaboratore scolastico? In generale, l’orario di lavoro ordinario di un membro del Personale Ata è pari a 36 ore settimanali; queste devono essere suddivise in 6 ore consecutive, di solito, articolate in orario antimeridiano. Tuttavia, possono occupare anche il pomeriggio a seconda della tipologia e delle esigenze dell’istituto scolastico. Le necessità specifiche dei lavoratori in merito a orari flessibili, ritardi e recuperi sono affrontate in sede di contrattazione integrativa di istituto.

Personale Ata: le pause durante l’orario di lavoro

D’altra parte, il contratto nazionale bisogna precisare che l’orario del lavoratore ausiliario della scuola non può comunque superare le 9 ore. Detto ciò, recita l’articolo 51, terzo comma, “se la prestazione di lavoro giornaliera eccede le sei ore continuative il personale usufruisce a richiesta di una pausa di almeno 30 minuti al fine del recupero delle energie psicofisiche e dell’eventuale consumazione del pasto. Tale pausa deve essere comunque prevista se l’orario continuativo di lavoro giornaliero è superiore alle 7 ore e 12 minuti”.

Dunque, superate le 6 ore consecutive di lavoro è possibile usufruire di una pausa ma dopo le 7 ore e 12 minuti diviene obbligatorio interrompere il lavoro per recuperare le energie. Ora, quest’ultima (nelle modalità riportate) appena descritta è l’unica pausa prevista per il Personale Ata a livello di contratto nazionale.

Personale Ata: la “pausa caffè”

Ciò per dire che nel contratto non è prevista la “pausa caffè”, per intendere una pausa di durata inferiore ai 30 minuti precedente allo scoccare delle 6 ore consecutive di lavoro. Ora, anche diversi pronunciamenti della Cassazione hanno ammesso la natura “inoffensiva” sulla garanzia del servizio delle cosiddetta “pausa caffè”. Quindi, è possibile negoziarne orari e modalità in sede di contrattazione integrativa di istituto.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

Bitcoin

Bitcoin

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Termometro delle Voluttà

Termometro delle Voluttà

Maestro unico

articolo scritto da: