pubblicato: venerdì, 14 Dic, 2018

articolo scritto da:

Contributi Inps 2018: trasferimento o ricongiunzione, quando conviene farla

contributi inps

Contributi Inps 2018: trasferimento o ricongiunzione, quando conviene farla

Ricongiunzione o trasferimento contributi Inps, quando si fa


Contributi Inps 2018: trasferimento o ricongiunzione, quando conviene farla

Ricongiunzione o trasferimento dei contributi

Purtroppo non sempre i contributi versati durante una vita lavorativa bastano per maturare il diritto alla pensione. Inoltre, è raro che l’Inps eroghi una sorta di indennità sostitutiva, ovvero che restituisca quanto versato, in modo che il lavoratore effettivamente recuperi tali contributi.

Anche i tribunali interrogati sull’ argomento si sono espressi in linea con l’Inps; cioè, non si può prevedere un’ indennizzo se i contributi accumulati non si sono rivelati sufficienti a prendere la pensione.

Contributi Inps: la restituzione

Detto ciò, esistono alcuni casi in cui l’Inps restituisce i contributi non versati che non bastano, però, a maturare il diritto alla pensione. Innanzitutto, nell’ evenienza di contributi versati e non dovuti da lavoro dipendente (limite 5 anni non prescritti).  Poi, se i contributi versati e non dovuti provengono da lavoro autonomo (non importa il periodo in cui avviene l’ accredito).

Infine, la restituzione dei contributi versati avviene se questi sono in eccedenza o relativi a un’ attività inesistente. Inoltre, da precisare che anche se dei contributi vengono versati nella cassa previdenziale “ sbagliata”, cioè errata rispetto al lavoro prestato, vengono prestati anche se è più corretto parlare di trasferimento o, meglio, ricongiunzione

Contributi Inps: la ricongiunzione

La ricongiunzione – da luglio 2010 è onerosa – è l’ istituto che permette di trasferire in un’ unica cassa previdenziale in contributi versati in più casse allo scopo di percepire un’ unica pensione. Per richiederla è necessario che l’ interessato o i suoi superstiti inoltrino apposita domanda precisando tutti i periodi di contribuzione (obbligatoria, volontaria, figurativa, riscattata).

Questi devono essere stati maturati in almeno due diverse forme previdenziali fino al momento della richiesta; inoltre, non devono già essere utilizzati per liquidare una pensione. Alla fine, i periodi ricongiunti risulteranno come da sempre versati in un unico fondo; quindi, daranno diritto a una pensione in base ai requisiti previsti dal medesimo fondo.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: