pubblicato mercoledì, 26 Dicembre 2018

articolo scritto da

Cosa si mangia a Natale 2018 in Italia: piatti e tradizioni regionali

Cosa si mangia a Natale 2018 in Italia: piatti e tradizioni regionali Pranzo Natale 2018: menù, piatti e tradizioni, quali sono
Cosa si mangia a Natale 2018 in Italia: piatti e tradizioni regionali

Piatti Natale 2018 e tradizioni in Italia


Cosa si mangia nelle regioni italiane? Sicuramente è rispettata la tradizione composta da piatti tipici affiancati dagli immancabili panettone e pandoro che sulle tavole degli italiani sono da sempre tra i principali simboli del Natale.  Questo Natale 2018 vedrà anche nuove proposte culinarie.


Per tutta l’Italia si susseguono numerosi piatti molto diversi tra loro. Sono diverse anche le modalità e i tempi di festeggiamento: al centro e al sud la gente preferisce il famoso Cenone della Vigilia di Natale; a nord, invece, è privilegiato il pranzo di Natale il 25.

Durante la Vigilia la tradizione vuole una cena a base di pesce mentre il pranzo di Natale è a discrezione di ogni famiglia.

Cosa si mangia a Natale 2018 nel nord Italia

Partiamo dalle Regioni più a nord della penisola. In Valle D’Aosta sono privilegiati salumi tipici come la Mocetta crostini, zuppe e la carne carbonada. Come dolce invece, pere con crema al cioccolato e panna montata.

In Piemonte sono presenti Cappone, bolliti, verdure e agnolotti; come dolci abbiamo mousse, torrone o torte.

In Lombardia la tradizione vuole sulla tavola degli italiani molti piatti in brodo e il cappone accompagnato da uova e mostarda, come dolce il panettone, il pandoro o il panforte.

In Trentino Alto Adige non possono mancare i canederli e come secondo piatto il capriolo o capretto. Al dolce, l’immancabile strudel.

In Veneto troviamo sulla tavola durante le feste di Natale salumi, piatti in brodo, risotto, gnocchi, polenta e baccalá, lesso di manzo. Tra i dolci il pandoro, la mostarda con il mascarpone, il mandorlato.

Sulla tavola di Natale dei friulani troviamo trippa, cappone, formaggio, cotechino e come dolce tipico friulano abbiamo la gubana o lo strudel.

In Liguria, la tradizione comprende maccheroni in brodo, ravioli alla genovese, cappone lesso, salcicce e spinaci, faraona come dolce il pandolce, il torrone, l’uva, i fichi secchi e le noci.

Per concludere le regioni del nord troviamo l’Emilia Romagna il cui antipasto prevede il culatello di Zibello, come primi Tagliatelle al ragù, lasagne, tortellini in brodo e passatelli in brodo e come secondi, cotechino, zampone puré, mostarda e formaggio. Tra i dolci, il Panone di Natale di Bologna con cioccolato mostarda e fichi secchi.

Quali sono i piatti della tradizione di Natale 2018 nel centro Italia

Partendo dalla Toscana sulla tavola di Natale troviamo crostini di fegato, brodo di cappone o cappelletti in brodo, arrosto di faraona, anatra, fegatelli e cappone ripieno, come dolci i cavallucci e i ricciarelli

Poi ci spostiamo in Umbria dove sono presenti i cappelletti ripieni di cappone e piccione, cappone bollito e come dolce il panpepato.

Nelle Marche la tradizione vuole i maccheroncini di Campofilone in sugo, cappelletti in brodo, Vincisgrassi ovvero un timballo di Manzo e cappone arrosto. Come dolci abbiamo due dolci tipici: la pizza de Natá e il fristingo.

Il Lazio per la vigilia di Natale privilegia fritto misto di verdure, baccalá fritto e il capitone. Il giorno di Natale invece ha in tavola abbacchio al forno, cappelletti in brodo, bollito misto e tacchino ripieno seguiti poi da dolci laziali quali pampepato e pangiallo.

Infine in Abruzzo si mangia: minestra di cardi, zuppa di castagne e ceci, lasagna con macinato, mozzarella e parmigiano, inoltre agnello arrosto e bollito di manzo.

I dolci tradizionali abruzzesi sono: calcionetti fritti ferratelle e scrippelle.

Come apparecchiare la tavola di Natale: tendenze, consigli e idee

Cosa si mangia a Natale 2018 nel sud Italia

Nel sud Italia partendo dal Molise la tradizione presente sulle tavole degli italiani vuole: zuppe, piatti in brodo, baccalà e come dolce i Calciuni.

In Campania: minestra, cappone imbottito, insalata, friselle e broccoli: tra i dolci gli immancabili struffoli, roccocò e frutta secca.

In Calabria sono molto diffuse le crespelle ripiene, le scillatelle con ragù di maiale, minestra, capretto al forno, pesce e broccoli. Come dolci troviamo: fichi ricoperti al cioccolato, torroncini e dolci al cedro e al bergamotto.

In Basilicata, si mangia: minestra, baccalá lesso, strascinari al ragù, piccilatiedd, pane con le mandorle, pettole e come dolce i calzoncelli.

Per concludere in Puglia troviamo le cime di rape stufate, panzerotti fritti, anguilla arrostita, baccalá in umido, baccalá fritto, agnello al forno. Come dolce le pettole, le cartellate, il torrone e i delle piccle frittele chiamate porcedduzzi fichi secchi e pasticceria di mandorle.

La tradizione di Natale 2018 nelle isole

In Sardegna si mangiano i Culurgiones de casu ovvero, dei ravioli, gnocchetti sardi, porcetto al mirto, sedano, finocchio e ravanelli. Tra i dolci, ricotta con miele, le seadas al miele che sono dolci fritti al formaggio.

In Sicilia: sfincione, ovvero pizza a base di cipolla; scacce ragusane, cardi in pastella e gallina in brodo, insalate di arance con aringa e cipolla, agnello al forno, sformato di anellini al forno con ricotta, pasta con le sarde e sarde a beccafico, carne e caponata.

Per dolci, buccellati di Enna, cassate e cannoli, i mustazzoli a base di mandorle, cannella e chiodi di garofano e cubbáita ovvero un torrone.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

Speciale immigrazione

Immigrazione in Italia

Guerra economica con la Francia

Guerra economica con la Francia

Acquisizioni francesi in Italia

Elezioni Politiche 2018

Elezioni Politiche 2018

articolo scritto da: