articolo scritto da facebook icona autore twitter icona autore

San Gregorio Armeno Napoli: orari, presepi 2018 e mappa

San Gregorio Armeno Napoli, orari, presepi 2018 e mappa
San Gregorio Armeno Napoli: orari, presepi 2018 e mappa

Orari San Gregorio Armeno 2019


Via San Gregorio Armeno si trova nel centro storico di Napoli ed è conosciuta come la zona dei presepi, per le famose botteghe di artigiani che sono presenti lungo la strada. È visitata nel periodo natalizio da moltissimi turisti ma non mancano certo i napoletani che tutti gli anni tornano nella famosa via. In questo posto i maestri presepiali realizzano qualsiasi tipo di statuette, dai personaggi classici che puoi trovare nel presepe, politici, fino ai cosiddetti vip.

La storia della nascita di via San Gregorio Armeno

La strada è chiamata dai napoletani san Liguoro, all’origine collegava le due principali strade di Napoli.

Nel 15esimo secolo la strada assunse il nome plaetia nostriana perché il vescovo di Napoli, San Nostriano, vi fece costruire delle terme per i poveri.

Sulla destra lungo la strada è presente l’edificio del Banco del Popolo, a metà strada, troviamo la chiesa di San Gregorio Armeno. Alla fine della via la chiesa di San Gennaro con di fronte la casa dove ha vissuto il Santo patrono di Napoli.

Il nome della via è legato a quello della chiesa. Nel periodo romano in questa zona era presente un tempio dedicato alla dea delle messi Cerere su cui poi è stata costruita la chiesa di San Gregorio Armeno. Il popolo offriva alla dea statuette realizzate da numerosi artigiani che avevano la bottega proprio in questa famosa via.

Secondo alcuni la tradizione del presepe napoletano trarrebbe origini dalle statuette lasciate in tributo alla dea Cerere. Il primo presepe napoletano però nasce alla fine del Settecento.

Via San Gregorio Armeno oggi

Gli artigiani che lavorano in queste botteghe presenti in via San Gregorio Armeno sono dei veri e propri maestri che rendono famosa in tutto il mondo la tradizione napoletana.

Oggi la via di San Gregorio Armeno è famosa per le botteghe degli artigiani che vi sono situate. Oltre alle statuette tradizionali però questi mastri presepiali realizzano delle statuette insolite che incarnano i principali personaggi dello spettacolo italiani e stranieri che si sono resi famosi durante l’anno appena trascorso. Tra le statuine più famose troviamo quella del famosissimo giocatore di calcio Diego Armando Maradona e quella del politico italiano Berlusconi spesso intagliato in compagnia di una donna. Da qualche anno troviamo anche la figura di Beppe Grillo.

Le botteghe e i negozi presenti nella via di solito lavorano dalle nove e trenta del mattino fino alle sette di sera, ma durante e festività natalizie alcuni negozi chiudono alle otto di sera. L’esposizione dei presepi solitamente inizia durante le prime settimane di novembre e si prolunga fino al sei di gennaio.

Dal 2012 questa famosa manifestazione è arricchita dalle Luci d’Artista di Salerno.

Museo archeologico Napoli: mappa e percorsi da visitare. Cosa vedere

Come arrivare nella famosa via San Gregorio Armeno

Se si arriva dalla stazione centrale di Napoli si deve attraversare piazza Garibaldi e raggiungere Corso Umberto. Quando si è all’altezza di via Duomo bisogna percorrerla fino ad arrivare a Spaccanapoli o via dei Tribunali. Si può girare in entrambe queste vie perché via San Gregorio Armeno le collega perpendicolarmente.

Se non si vuole camminare però dalla stazione si può prendere la metro linea 1 e scendere alla fermata piazza Dante. Da qui bisogna proseguire per Port’Alba e percorrere via dei Tribunali.

Nel percorrere la strada si possono ammirare: la Chiesa del Gesù Nuovo, la piazza antistante, il Chiostro di Santa Chiara, la Cappella Sansevero e Napoli Sotterranea.

Via San Gregorio Armeno nel 2018

Il 17 novembre 2018 è iniziata la 147esima edizione della Fiera di Natale di San Gregorio Armeno che continuerà fino all’Epifania.

L’inaugurazione è stata nella Piazza San Gaetano, luogo in cui sono presenti la statua e il santuario con le spoglie del Santo che diede vita al presepio, la cerimonia ha ottenuto la benedizione del Parroco della Basilica di San Lorenzo Maggiore.

Inoltre durante questa edizione ci sarà” ’o Pazzariello” che avrà il compito di girare tra le bancarelle rallegrando i turisti.

Un’importante novità di quest’anno è il presepe che è stato sviluppato dentro l’albero di Natale.

Per l’edizione della fiera 2018 sono attesi più di 800.000 visitatori.

SEGUI TERMOMETRO POLITICO SU FACEBOOK E TWITTER

PER RIMANERE AGGIORNATO ISCRIVITI AL FORUM

ultima modifica: giovedì, 27 Dicembre 2018